Tasmania

[traducere]

Travel journal in the Motorcycle Heaven

Piero Francisci

 

 

September 24, 2022 at 8:57 p.m

 

“New Zealand at the end of February… wanna go?”

“If you don’t run…”

 

And so, with a message and a reply between friends on whatsapp, the crazy idea of ​​taking a motorcycle trip to New Zealand was born. After reading biker blogs for a while and watching the videos of those who love to travel by motorcycle, I was intrigued by New Zealand…everyone was excited and this sparked my imagination.

The trip was beyond my imagination. There are no photos, no videos, no stories that can faithfully convey the emotions you feel while riding a motorcycle in this country.

2/3 of Italy, with 2 major islands in the north and south, populated by only 5 million inhabitants in the good company of 10 million cattle and 25 million sheep, a triumph of green color in every possible shade with beautiful and different landscapes, from the sea to the mountains, from valleys and hills to arid plateaus and deep fjords, wonderful roads designed by bikers for bikers, in short, New Zealand.

After months of preparations and the last days before departure spent finding ways to pack the luggage to fit the weight imposed on the ticket, on February 23 at 11.30 p.m. we leave: Maurizio, Alexia and I from Bucharest, Antonella and Fabrizio from Milan, Erno from Budapest.

February 24, 2023

We meet in Dubai with Antonella and Fabrizio and together we will take a short flight… only… only 16.5 hours!!! Ahh… we spend the day on the plane and through the airports. I looked at the clock 2567 times!!! And I heard snoring in 154 different languages. The man from Brescia snores well!!!

February 25, 2023

Finally, after 28 hours of travel added to the 12 hour time zone difference, leaving on Thursday evening February 23rd, we find ourselves landing in the middle of the day on Saturday 25th at 12 o’clock in Auckland, which is midnight on Friday 24th in Italy. An endless journey…. when you see on the screen of the airplane seat that you are about to start crossing Australia, there are still 8 hours until arrival!!! And the question that repeats insistently in my mind is: but will it be worth it?

Once we got off the plane and headed to customs, we ran into a line of men in their 30s and 40s with Aboriginal features, one group in red shirts and the other in green shirts. However, both emanate a “smell” of humanity with potentially lethal effects, and thanks to Maurizio’s dexterity, we skip the queue and find an area full of clean air and close to control. In 10 minutes we are legally in New Zealand!

Some problems with the YELLOW BUS, but we finally manage to figure out how to get from the airport to the hotel. It’s 2am for us, but it’s only 2pm in Auckland! Maurizio suggests not to sleep, after 35 hours awake he claims that we learn how to stop sleeping and there is no need to return to mundane habits; then shower and off we go to the Auckland shopping center in a 6-seater taxi driven, like probably all taxis in New Zealand, by an Indian with a turban. Before leaving the taxi, we book it for the next morning at 9.30 when from Auckland we will have to go to Maraetai, about 30 km away, to pick up the motorbikes.

From the shopping center we head towards the port. And already here we realize the hospitality of this country; we take a city bus and the driver, seeing us as tired and clumsy tourists, lets us get on without paying.

Dinner at the Poni Room in Auckland Harbor and first local red wine tasting… well… still on the winemaking side New Zealanders have a lot to learn!!! Finally, after dinner, we take 2 taxis and return to the hotel at Gateway Airport. Meeting arranged for breakfast at 8.30.

Good night guys, after 50 hours without sleep will we remember how to sleep?

February 26, 2023

The night passed peacefully, all 5 of us suddenly remembered how to sleep and we did it really well! At 8.30 we are already filling up with the hotel’s continental breakfast while waiting for the Indian taxi driver.

I am seriously worried. I personally handled the motorcycle rental via email and communicated with Randal, the motorcycle guy, in English thanks to my friend Google Translate (my English is 0, maybe even less…). I had also paid the advance, but I did not have the certainty that the agency and motorcycles existed. Imagine what an embarrassing situation it would have been to arrive 19,000 km away from home for a motorbike holiday and wake up without motorbikes!

So the hours from waking up to arriving in Maraetai are lived in tension even if Maurizio mistakes it for my usual “restlessness”. The Indian is punctual, we load the half-empty suitcases that we will leave at Randal and leave for the beach in Maraetai. Will we find the motorcycles or will we have to resort to a plan B that we don’t even have?

Some trouble finding Colson Lane 10 Maraetai but we finally get there. The taxi goes on an unpaved road and finally, under the tarpaulin of a wooden house, we see 5 motorcycles! Randal exists! The motorcycles exist! The Internet is fantastic! Yes, yes, we will ride motorcycles! I feel better, much better!!!!

Randal is an old young man (like me…around 60 years old…), athletic and nice. We greet each other as if we have known each other for a lifetime… and this situation makes me feel good. I read the same enthusiasm on my friends’ faces. And I leave them to the formalities. Contract, deductibles, guarantees, payments, etc. and a word with Randal. In English I understand only 2 words out of 200 and yet I am proud of my work!!! We have motorcycles, we found them on the other side of the world and they are beautiful motorcycles too !!! I brag BRAVO PIERO!!!

Taking into account the fact that the other traveling companion, Erno from Târgu Mureș (almost sounds like an epic name!!!) will arrive later directly from the airport, we decide to familiarize ourselves with the first 4 motorcycles and take a ride around the area.

I have the newest bike, a Tiger Triumph 900 with only 1100 km. Old motorcyclist and young motorcycle, but despite the generation gap we get along immediately.

For Maurizio, who will have Alexia as photographer and passenger, a Yamaha super Tenere 1200, a little tired, but still robust and reliable with over 90,000 km.

Fabrizio will handle (and vice versa) a BMW 700 GS, a middle-aged iron like Fabrizio, 45,000 km, but a German iron that, like Fabrizio, never betrays.

And Antonella, the wonderful surprise of the trip, will tame an almost new Kawasaki Versys 300. Only 5,000 km traveled. Light but sumptuous motorcycle that Antonella will ride 4,200 km without the slightest mistake during the ride and only some clumsiness during stops and parking.

Still stationary, the “cow” ready for Erno. A BMW GS 1200. The ideal motorcycle for the teacher!!

And here we are with our beasts and …… my friends, be careful that here we go on the left, the roundabouts are clockwise and the danger, when you enter the road, comes from the right!!!

So… shall we try? And let’s go… and let’s go right but on the left along the beach. A wonderful beach on the Pacific coast where we count 10 people. With a beach like this in Riccione on a Sunday morning at 11.30 there would have been 100,000 people!!! The sight of oncoming cars on the right causes us some confusion, but we stay focused and do the first 100km along the coast. We already realize that the roads are perfect, the road markings impeccable, the traffic orderly and the country of an amazing green. Another green compared to the European one.

We stop for a coffee and once again we have confirmation that the secret of roasting coffee remains the Italians’.

We return after about 2 hours to Randal’s and in 10 minutes Randal’s wife arrives with Erno. Watching the car pull into the driveway I notice that the car veers dramatically to the driver’s left. When Erno gets out, I understand why. Randal’s wife 50 kg, Erno 120!

Greetings to Maurizio, Alexia, Fabrizio and Antonella with whom he shared other trips. For me it’s the first meeting, the usual handshake of someone who meet for the first time, but I immediately feel that there will be empathy.

We wait for Erno to complete the rental formalities, get dressed to ride the motorcycle and get on his GS, and then say hello to Randal and his wife and hit the road for Auckland. We travel in a row, I in front, Erno the last. But as we approach Auckland I leave the command to Fabrizio who bought a Vodafone SIM from New Zealand and therefore, equipped with a Google Maps navigator, will expertly guide us throughout the journey.

First stop for lunch. Today we eat in Vietnam! We choose the transparent spaghetti and still couldn’t tell if it was rice or plastic?!?

We take our traveling companions with whom each of us begins to get used to, to know each other, to appreciate….. and here the magic repeats itself …. the intimate relationship between man and iron as if that object made of steel, plastic, rubber and screws would have a soul, a heart, and would take care of us. The magic of the motorcycle that only enthusiasts know how to recognize.

Quickly to the hotel to better prepare the luggage that will follow us along the adventure. Packing is a real ritual for every motorcyclist. It is a deep study of the logic of systematization and an effort to memorize where we will put the things we will need the most and the things we will need the least. On a motorcycle you can’t leave anything to chance, every detail is fundamental and can make the difference between great fun and great disaster. This attention to detail is one of the things I love the most. It completely occupies my mind freeing it from all other problems of daily life. Paradoxically, it relaxes me, calms me even if it is always preceded by the expression “……”.

We decide to go to North Auckland for dinner, go there by motorbike. 25 km on the beltway? On the national road? On the highway? Bho…I don’t know…anyway on a 3 lane road that cuts through Auckland, a modern city with about half of the entire population of New Zealand.

The TV tower, the symbol of the city, stands out at night. It’s running red tonight, but we don’t have time to stop and take a picture of it, we’re so focused on driving on the left and on the evening traffic of the moral capital that we can’t afford to stop.

We arrive at the restaurant, an English pub where you have to visit the whole building in order to find the kitchen, order what you want and get a flag with a number in return. Someone later, following the number, will bring our order. Are you curious about the cuisine? Well…like the wine…never mind and let’s just settle with fish and chips! However, when it comes to beer, they do not disappoint the Anglo-Saxon spirit!!! Tasty indeed.

After dinner, a short visit under the bridge that crosses the bay, selfie and back to the hotel. The motorcycle must be driven during the day! And not only in New Zealand. The lights reflecting on the visor increase the attention, however, the disrupted biological clock causes fatigue. Only 25 km, but I encountered difficulties.

And at the hotel a nice card game, SCALA 40. The world champion of oratory and the world champion of sacristy sit down at the table. Who they are we will find out later, but the game is won by an outsider. The oratory and sacristy are very far away, the outsiders have the better hand.

Day of 26 is over… tomorrow starts the tour of New Zealand, for the French enthusiasts, Le Tour de Nouvelle Zeelande, for us, a great adventure.

North Island

February 27, 2023

It rained all night. It wasn’t hard to observe it considering the fact that Gateway Hotel has tin roofs with no insulation and so the pattering of the rain was the soundtrack to our sleep.

I wake up early, maybe still groggy from the 12-hour time difference or maybe from the thrill of starting the journey. I prefer to think it’s the latter. I’m getting excited for a motorcycle trip again, at 61 it still makes me feel young!

Our motorcycles are parked right outside our room windows and we begin the ritual of loading our luggage. Fabrizio will lead the group to today’s destination: Rotorua. We exit in a row and take the highway. There is traffic typical for a big city and on a working day and with a left-hand drive, we feel some embarrassment. After only 20km south, Fabrizio decides to leave the highway and because it started raining again we all have to wear rain gear.

We decide together to put the “no highways” option on the navigator. We want to enjoy places that we will cross and the indispensable attention on the highway would not allow us. Here is New Zealand unfolding along the roads to the south. Gentle hills furrowed by these perfect strips of asphalt separating very green pastures where, like in mangers, sheep and cows graze.

It’s a pleasure to ride the bike…no potholes, no bumps. It’s like a moto GP track. Fantastic! On the piece of paper where, at the end of the day, I wrote down the kilometers and the places visited, I immediately wrote “fabulous roads!!!!”

It’s so nice to ride these roads that at one point, in a moment of youthful madness, I overtake the group going 120/130 km per hour and decide to use all 95 HP of the Triumph. 140,150,160,170,180,190, 200 … it’s a pleasure to see the numbers on the digital speedometer increase, hear the sound of the 3 cylinders getting sharper and sharper and feel the road narrowing!

2, 3 km like that…no more because inevitably old age comes back to prevail over juvenile madness and I slow down. I look in the mirrors and notice with satisfaction that I’m alone…”I lost them!! I gave them at least a minute!!!”

The minute passes, 2, 3, 4 pass and then satisfaction gives way to doubt. Did I take the wrong street? And actually, going back, I find my friends waiting for me at an intersection. I kept going straight in the euphoria of speed, but I should have turned right towards our intermediate stop, “Hobbiton Movie Set“.

Right here they filmed parts of “The Lord of the Rings” and inside a farm they made the Hobbit village. The scenes, which in the cinema looked like the result of special effects achieved thanks to digital technology, are just classic footage in a fantastic place that really exists. We visit the set, interesting, even if I personally did not understand anything from what the guide explained to us. My luck, but not mine only, is that Alexia, a fantastic girl, speaks and understands English well and therefore skilfully summarizes for us the essential points indicated by the guide.

After a 3-hour stop between the visit and lunch, we ride the motorbikes back to Rotorua. More magnificent roads, more terrifying ups and downs and we are in New Zealand’s “Campi Flegrei”. Steam is coming out of the ground everywhere forming white clouds that envelop the city.

We quickly find the motel, leave our luggage and take a quick shower. Alexia finds a restaurant on the internet that inspires us, Cobb&Co. With Uber we arrive at the restaurant and next to a kind waitress who speaks French, we meet a robot that serves us at the table. We don’t know if we got what everyone actually ordered from the plates brought by the robot, but we eat well and drink good beer from New Zealand. During dinner we decide on the accommodation for the next night. Taking into account that the ferry to reach the South Island will be at 20.30 we decide to shorten the journey and instead of arriving in Wellington, we will stop in Bulls, 150 km ahead.

We book the accommodation on the internet and after the excellent dinner, we return to the motel. The brave ones, Antonella, Fabrizio and Maurizio on foot, the lazy ones, Alexia, Erno and me again with Uber. The day was intense and once I lay on the bed, Morpheus’ embrace greets me without hesitation. Good night to us!

February 28, 2023

By now we have overcome the difficulties brought by the time zone change, we wake up in the morning rested and ready for the new stage. We will travel south about 320 km to reach Bulls. We still have one big issue to deal with: ferry tickets to cross the Pacific across Cook Strait from Wellington to Picton on the South Island.

Randal, very kindly, before our arrival in New Zealand, had managed to book us in, but we didn’t realize that payment was due by the 25th of February and we didn’t pay. We therefore do not know whether or not we will have seats on the ship despite the reservation. We try to call and they keep us waiting for more than half an hour to send us to another number. The only thing left for us to do is go to a tourist information center. This country is really organized to take care of tourists. Each location has a center where they help you with reservations, special visits, etc.

Fabrizio writes the address of the information office on the navigator and drives us there. This is where Alexia and Erno enter the scene. With their fluent English, they tell our problem to the guys behind the desk. A young Maori woman with the conformation of a rugby pillar and a young Maori-Aboriginal man with a dancer’s body and obvious effeminate moves.

Very kind both of them, they solve the ferry problem by making us pay for the tickets and giving us information about what to visit in the area. Among the possible options is a visit to the KIWI Hatchery, a symbol of New Zealand. Kiwi are birds that live exclusively in this country and with the peculiarity of not having wings. They also lay eggs 8-10 times the size of a hen’s eggs, despite being very similar in mass to a chicken. The visit ends in less than an hour.

When I woke up, the sky was threatening rain, but now it’s warm and sunny. We take the motorcycles and head south. The weather changes along the way and we are forced to wear rain gear.

The roads continue to be fabulous. A perfect asphalt that comes continuously preserved with layer maintenance. The signage is impeccable: one could drive just by following the vertical signs without looking at the road. We pass through dense forests, very green pastures and small urban centers where we stop punctually at every gas station. If there was a chapter in the Michelin guide dedicated to public toilets in New Zealand, Alexia would be the author. She doesn’t miss any opportunity to go to the bathroom, perhaps fearing that she will really need to and won’t be able to stop during motorcycle rides.

We travel many kilometers through the rain and Antonella amazes me. She has been riding a motorcycle for only 2 years, but she looks like a goddess for a lifetime. She never misses the trajectories, despite the few horsepower she keeps the pace with the more powerful bikes, throwing herself into overtaking cautiously but without fear and on wet asphalt she seems to get excited. What a legend!

We arrive to Bulls. The keys to the motel we booked should be in the mailbox at the front desk. Alexia checks but none of the names written on the 3 envelopes she finds match ours!! S..t we don’t have rooms? Luckily, there is a phone number on a piece of paper taped to the door and 10 minutes after Alexia’s call, a Maori lady shows up in complete mental confusion. Eventually we find out that other guests have taken our keys and the lady diligently takes care to “kick them out” and assign our rooms.

It is already 7 in the evening and we realize that in this country the restaurants close very early and finding a restaurant after 7 becomes a challenge. We then decide to leave our luggage at the motel and quickly ride our motorbikes towards the center (pay attention to the definition of the center, which is completely different from the one we mean. For us, it is the square, the agora dominated by the ancient palaces of the old lords and masters of the city or ancient churches that bear witness to our roots deep in the past. In New Zealand, the center is the main stretch of road on which there are several commercial activities located within spartan wood and tin constructions that are no more than 25 years old).

Everything is closed. Behind a gas station we see a still lit storefront, a popular Indian restaurant that is about to close. They have already put the chairs on the tables to wash the floor. Alexia, our legendary Alexia, quickly descends from the Tenere and asks if it is still possible to eat. The Indian, perhaps looking at the not-so-full cash drawer of the day, greets us by putting the plastic chairs back in place.

Maurizio takes the initiative and orders all the dishes on the menu; CHICKEN TIKKA, SAMOSA, SPEIGHT etc etc. The table fills up and it becomes clear that the previous lunch at Burger King had not been satisfactorily. In 10 minutes, tasting (so to say… maybe devouring would be the right word) everything, we empty our plates. I personally found the food to be exceptional. I did not understand what I ate but I know that I ate very well. Here Alexia meets lemon, lime & bitters, a 330 cl bottle filled with mineral water with lime and lemon juice that will be her drink throughout the trip. The rest of us are meeting New Zealand beer, and like Alexia, we won’t let it go.

Being together around a table, as we know, is a ritual for us Latins. It’s the way we get to know each other, we talk, we get closer and the ritual is repeated here in Bulls, between jokes, laughter and serious discussions until, seeing the Indian lady stubbornly cleaning the same table over and over again, we understand that it’s time for them to close and for us to go. We pay the bill, get back on the motorcycles and head to the motel.

Tomorrow we change the island, even further south. We’d better get a good night’s sleep too because during dinner Alexia got an email from the ferry company that the 8.30pm ferry departure is being moved to 2.30am. It will be a long day!

March 1, 2023

There’s no rush this morning. Wellington is only 150 km away and in anyway the ferry will leave at night. We leave the motel in Bulls around 11 and with many stops on the way there, we are approaching Wellington. Wellington and its suburbs are nestled between valleys and hills that overlook the sea. Entering the urban area is a fun and continuous ‘up and down’. The feeling, descending towards the port, is that of being on the coast of Liguria when, leaving the A10, you descend towards the sea. The same hairpin curves, the same flowering bushes, the same breeze and the same smell of the sea.

All cities in New Zealand have colorful signs, with modern buildings but without which they would be unpleasant for visitors. Indeed, the order, the cleanliness of the streets as well as the houses and commercial spaces make them pleasant and cheerful. And Wellington is shown to us like this. In addition, the inhabitants have the habit of hanging baskets or vases full of colorful flowers from the architraves as a sign of welcome. So nice! Just below, in the administrative center, we find multi-level glass and concrete buildings, maybe 10, 15 floors at most, but they are so few that you can count them on your fingers.

We arrive in the early afternoon and go straight to the port to understand how the ferry crossing works. We are not entirely convinced of the authenticity of the email received by Alexia and hope that the information about the late departure is not true. Maybe we can take the 8.30pm ferry or even the earlier one.

Unfortunately, the email is real. We will leave at 2.30.

Erno starts to have a very strong pain in his throat and a very annoying cough, he needs rest.

It’s about ten hours until boarding, so we get back on the motorbikes in search of a park to lie down and rest. We need to save energy considering that we will only get real sleep in 36 hours.

Fabrizio inserts the address of a park into his phone and Google Maps guides us to the top of a hill. It is not a park, but some sort of botanical garden, and we decide to park and rest on the lawn in front of a large building, convinced that we will find a cafe there. No way. No coffee.

All we can do is to play a Scala 40 while Erno lies on the grass trying to sleep and Alexia surfs the internet looking for a restaurant for dinner.

After two hours of relaxation, we start to feel hungry so we go to the center. The town is almost deserted. It’s only 7pm, but one probably goes to bed early at these latitudes and longitudes. We find a motorbike parking near the old port and around the corner, the Cuban restaurant “Ernesto’s”, one of the few still open.

The dinner is decent but nothing special and far below the expectations induced by the welcome and the beautiful waitress. We want to taste New Zealand wine and order a bottle of red wine. 115 euro, 0,75 liters. Better to ignore the quality. Maybe sanitary alcohol is tastier!!!

There are still 5 hours until boarding, so we take a walk in the port and drink a beer on the terrace of a deserted but still open bar. We get back on our motorbikes and head towards the port. Maybe the reception room will be open and we can take a nap on a chair. Everything closed. Outside, there is only one bench with 5 seats and there are 6 of us. Calling out memories of my youth and waning energy, I decide to lie down on the sidewalk and try to sleep. I succeed and a video filmed by Maurizio confirms it. I snores and from the tone of my snoring it even seems like a peaceful sleep.

The others, comfortably (so to speak) sitting on the chairs follow my example and a few hours pass quickly.

Finally, boarding begins. At 3 we are on board. We tie up the motorcycles in the least secure way possible trusting the unearthly help. At 4 we finally leave with 2 hours delay. In 4 hours we will land on the South Island. Sleep overcomes everyone’s resistance and in the strangest positions we get some rest. Tomorrow will be tough. We’ll see…..

South Island

March 2, 2023

At 8.30 the loudspeaker on the ferry warns us that we can get off and approach the vehicles. We arrived to Picton. We clumsily free the motorcycles from the ropes and descend in a row from the ramp.

Today’s destination is Westport on the west coast. Alexia has already booked the next motel at Carters Beach, 3 miles from Westport. We cross the Marlborough region which, reading the name, would seem to be the tobacco capital. Instead, as big as Umbria, it is the area where 75% of New Zealand’s wine production comes from. To the right and to the left, the vineyards of different species dominate, but all of them are as well-kept as the gardens of Versailles. The triumph of the care and attention of local farmers.

Vineyards dominate the valley, and behind the very neat rows and all of the same height, the hills are home to green pastures where flocks of sheep and herds of calves seem to be enjoying paradise. It is a pleasure to ride a motorcycle surrounded by these landscapes. It makes us forget about fatigue by giving us back strength. We want to scream inside our helmets!

In the early afternoon we arrive at the motel. Erno is noticeably feeling worse. He even has a fever and decides that he will stay in the room while we go 50 meters away, to “Donaldo’s“, enjoying an excellent dinner. We accompany it with a white wine. Maurizio insists that white wines are New Zealand’s excellence. I stand by, even reinforce my opinion. Amazing vineyards, but the quality of the wine is still very far from our parameters.

When we get up from the table, it is already evening. The sun has already dipped into the ocean waters and left gorgeous colors in the sky. On the horizon of the Tasman Sea, a red-orange that fades skyward, from purple to the dark blue of night. Impossible to describe in words, but enough to justify the trip.

Back at the motel we check on Erno’s condition. It’s not a good one and we have a long stage on the west coast tomorrow. Let’s hope the night brings an improvement, otherwise it’s going to be really hard for the teacher.

March 3, 2023

As usual, I’m the first to wake up. At 6.30 I am already dressed. I leave the perimeter of the motel and cross the deserted street and a cheerful children’s park to reach the beach.

Several tens of kilometers long, 200 meters wide. A gray sand, very fine, combed by the wind and the eternal movement of the sea. Deserted. In the soft light of dawn I feel like a small intruder in that wonder of creation. I tiptoe as if I don’t want to disturb; intimidated by the spectacle unfolding before my eyes and the sweet sound of a calm sea caressing the shore.

My mind wanders off and so many thoughts invade it that it becomes confused. Classic and rare moment when we ask for the meaning of life, but as Vasco says, it has no meaning! I stay for a few minutes to let “the hugeness to light me up” like Ungaretti at Mattina and collect some seashells brought by the ocean.

I go back to my room waiting for Erno to wake up and see how he feels. Unfortunately, not good. The situation may have gotten worse rather than better. Erno is a giant both physically and mentally. He assures everyone that he will make it, and when the ritual of getting dressed and loading our bags is over, we leave.

Today there is a long stage scheduled, from Westport to Haast, almost 500 km away and we will cover the west coast.

We leave behind two of the biggest cities, Greymouth and Hokitika and then travel hundreds of km without traffic, with incredibly beautiful roads even if all of them covered by incessant rain. Up, down, hairpin curves, wide curves, tight curves, but all signposted with the utmost care. It would be a shame to miss the trajectory of a curve with these signals!

We stop several times for Alexia’s usual checks on the condition of New Zealand toilets and to fill up. At a gas station I realize that Fabrizio is frantically looking for his phone and tells us that he has lost it. It’s easy to imagine how you feel when you lose your phone… We are so used to surrendering our life, our world and everything it means to this glass and plastic box and the moment we don’t find it, the feeling of bewilderment assaults us, taking away all certainty and projecting us into a near future full of misery. It is no coincidence that the typical expression that accompanies the realization of loss is “What a mess…I lost my phone!!!”

And I, dejected and sorry for Fabrizio’s inconvenience, begin to ask stupid questions and statements as if they were the solution to the problem; of the type “but come on, it’s not possible/ but maybe it fell in the bathroom/ but maybe you slipped it in your luggage”, etc., etc.

When Fabrizio had given up all hope and reluctantly accepted the idea of ​​a sh…. day, I notice that the back pocket of his jacket, which Fabrizio had removed and was holding folded over his forearm, has a strange, subtle bulge. I touch the jacket and feel the unmistakable silhouette of a phone.” But, Fabrizio, isn’t that it?”

And then there is the resurrection. Fabri’s face, gloomy and pensive, transformed as if by magic into the sun: eyes shining with joy and a very beautiful smile from ear to ear!!! It’s the lost phone and the whole group is relieved!

Come on guys, let’s go again! Again water, again curves through impenetrable forests and despite the rain, gas, gas, gas!

The stage was long and we reach the village of Haast at 7 pm. On the map, Haast is marked with large, bold letters and a red dot. We therefore expect a location similar to the others already crossed. A main street with many activities, shops, restaurants. In addition, upon our arrival we see the first police car since we arrived in New Zealand, giving the place a certain importance.

We check into our rooms and in a few minutes we are ready for dinner. Maurizio, curious as always, searches the internet and the Wikipedia Wizard informs him that: the number of inhabitants of the village is 84 people, according to the 2018 census, and in the whole area spread over an area of ​​4099 km2 (equal to 409,900 hectares, that’s almost 680,000 football fields!!!) only 258 people live there.

We came across a metropolis! Of course there are police!

There are only 2 restaurants: one is already closed, the other one is still serving some food. The name “The Hard Antler” is enough to describe the place. Wooden construction, English pub atmosphere and a table for 8 people made of solid wood weighing approximately 700/800 kg. Hundreds of deer antlers hang from the roof beams.

All 84 residents are here. Maybe even a few from another area.

We are served by a pretty girl with the somatic features of an Anglo-Saxon face but the physique of a Maori rugby player. But the purebred Maori is the owner. Short, fat, downright ugly and dressed only in a knee-length light blue tank top. He makes the rounds of the bar and restaurant cashiers withdrawing, with big, fat hands like in Botero’s figures, all the money he finds.

Maybe in New Zealand the first course, second course and dessert are served together like at Autogrill on a tray and so, given that Maurizo and Alexia ordered soup, although the other dishes are ready in a few minutes, they don’t serve us until after more than an hour, the time it takes to prepare the soups (a red emoticon would be needed to express the feeling).

A good dinner. Maurizio and Anto finish with a good Scotch whiskey.

We end the day with a Scala 40 played under the canopy of the public toilets. And yes… it’s the very building that hosts the public toilets. In New Zealand it is found in every city, small or large. There is a beautiful table and comfortable benches where you can wait for late or constipated friends.

We play a good game and, as usual, the world champions of Brescia Oratory and Perugia Sacristy quickly reach 151, leaving the lady goddess to claim victory.

Courtesy? Nooo….just bad luck!

Erno is still in bad shape. His will is commendable, but above all, his respect for our journey. Despite his poor health, he respected our stages, our pace and our stops without causing the slightest disturbance to the group. Erno is great! Alexia asks for a doctor at the front desk of the motel. Unfortunately, in the metropolis of Haast we have no hope. The nearest health center is in Wanaka, approximately 150 km away. We are stopping there tomorrow to have a doctor examine Erno. We’ll see…..

March 4, 2023

“Good morning, come on Erno, come on, a doctor will see you in 2 hours and we’ll figure out what’s wrong with you! This is how March 4 begins.”

We are all trying to encourage Erno to get to Wanaka.

After 2 hours on the motorbike, Fabrizio leads us to the health center. A small structure, only on the ground floor where there are several clinics. Unfortunately we have to wait for the doctor and spend an hour shuttling between the waiting room and the benches and chairs outside.

Finally, a doctor consults Erno; x-rays, control and accurate diagnosis: a very serious infection of the larynx and pharynx. While waiting for the doctor, we eat a hearty meal that, meantime, Maurizio and Alexia bought at the supermarket. Italian charcuterie, French cheeses and strawberries (maybe from New Zealand) and a savory chocolate muffin to make sure we don’t miss anything. The role of the table falls to a bench outside, and the chairs around the table to the bright green lawn.

Erno comes out with the prescription and we just need to find the pharmacy so we can access the antibiotics which are only available on prescription from a New Zealand doctor. Just the fact that he has the prescription in hand, or maybe the fact that he discovered after the x-rays that he has very healthy lungs, changed the face of the giant. Before gloomy and dejected, now already smiling and relaxed, even if the sore throat still causes him to grimace.

We stop in front of the pharmacy, apparently under a porch. Behind us we hear the insistent sound of a horn. I turn and look at the lady behind the wheel. She keeps honking and shaking and then, annoyed too, I raise my visor and yell at her in perfect Italian: “What the hell do you want? Can’t you see we’re parked and there’s no more room?” With hysterical gestures, the Anglo-Saxon continues to shout and I repeatedly send her to that spot until Fabrizio, surely the most attentive of the group, shouts, “Ohhh, we’re standing in the middle of the road! It’s not a parking lot under the pharmacy portico, it’s a road link that, to go left, passes under the front window!! Only then do we advance 10 meters, clearing the road and parking further.

When the angry lady passes me with the window down and maybe cursing, I look at her whispering a “Sorry”, but barely out of the depths of my soul I blurt out a vigorous “go to hell anyway!”

As soon as Erno leaves the pharmacy with antibiotics and anesthetic spray for the sore throat, we set off for Te Anau.

Roads and landscapes still indescribable and crossing them, I thank God for giving me the passion for motorcycles. We pass by Lake Wakatipu and do the last 40 km under a very fine but torrential rain, a kind of car wash. I forgot to open the helmet vent and in the rain my visor fogs up. I do the whole 40 km with the visor open and my eyes half-open so I can at least guess where the road is. I don’t think I’ve ever washed my face with such intensity.

We arrive again at 7pm and Fabrizio drives us to the motel without the slightest delay.

The entire roof frame is covered by old panels with various activities: butcher, saloon, shoemaker, etc. You have the impression that you are entering a western film set, but in fact under the advertising panels there are very comfortable rooms and all with 3 beds, bathroom and kitchen equipped with everything you need.

As usual it is late and we rush to go to the restaurant but only 20 meters from the rooms the only one still open is a Chinese restaurant. In the center of the table, the classic glass disc of Chinese tables where the waiters place the order and the diners spin it, allowing everyone to taste the food.

As soon as we are served the ordered oddities, the table disc starts spinning at high speed. And here comes proof that maybe lunch on the bench at the Wanaka Medical Center hadn’t been so plentiful.

The disc speed gradually slows down until it stops. Excellent dinner, we are full. A good night’s sleep awaits us. Maybe even Erno with sprays and antibiotics will be able to recover. Tomorrow will be a long day. In the morning, visit the most famous fjord in New Zealand and then in the evening we will spend the night in Invercargill, in the southernmost part of the island.

March 5, 2023

Today we will leave in the rain. In the morning we have to reach Milford Sound, the most famous fjord in the country and the southern hemisphere.

We travel the usual fantastic roads that slowly, after a flat section sheltering an alpine lake, wind through the valley. At the price of being boring….FANTASTIC scenery!!! Forests, mountains, glaciers. New Zealand gives us the best of it.

At about 11 we arrive at Milford Sound crossing a long tunnel with work in progress. Traffic flows in one lane and a traffic light manages it. The spectacle that unfolds before us is worth the trip. Mitra Peak, which with 1692 meters dominates the fjord and is reflected in the ocean, is the iconic image of New Zealand. It is like the maritime pine that dominates (dominated…) the bay of Naples for Italy.

We find very few people upon arrival. We grab a coffee from the bar in front of the car park and then walk to the ferry ticket offices. Many visitors have already left on the ferries that travel the fjord to the ocean. The next trips leave at 1 p.m. We decide to go too. We will relax for 2 hours on the ocean waters that meander between the mountains, creating a unique spectacle.

While waiting for departure we repeat the ritual of Scala 40. As usual, the two champions immediately exit the game. The southern hemisphere does not bode well for the champions of ancient Europe.

The excursion on the fjord lasts 2 hours. The sun accompanies us in this strip of sea and wonders. On the way back we hurry to get our motorbikes. It’s past 3pm and Invercargill is 270km away. We have to move if we don’t want to miss dinner.

We return on the morning route back to Te Anau. At the traffic light that manages the works in the tunnel, on the slope, we stop at the red color. Maurizio takes off his gloves and the left one flies to the ground a few meters away.

Maurizio, without getting off the Tenere, bents down to pick it up. He leans, leans, leans until he can no longer support the weight of the tilted motorcycle and falls off with Alexia. We help Maurizio put the motorcycle back on its feet and return to ours. Green light. Off we go. Antonella, Erno and I enter the tunnel and walk along it to the exit. I notice that Maurizio and Fabrizio are missing from the group. We stop to wait for them and after more than 10 minutes they finally arrive too. Maurizio’s motorcycle, after picking it up, did not start immediately. Gasoline spilled flooding the injector and drowning it. Fabrizio waited for him until he restarted the Yamaha and Maurizio, confused and in his pride as an experienced motorcyclist, ashamed of what had happened, risked colliding with a bus by driving on the right side of the road instead of the left. All’s well when ends well.

Fabrizio takes the lead and guides us, like a hen guides her chicks as Maurizio would say, to Invercargill.

Deserted but superlative streets like the others. And pastures and animals as far as the eye can see. Invercargill is deserted, it’s Sunday evening and it feels like we’re walking into a ghost town. We get to Ibis quickly. Alexia, the wonderful Alexia, takes care of check-in and parking right away.

As usual, we are hungry in a city where everything is closed! Fortunately, the internet in New Zealand works everywhere, even in the forests, and Maurizio finds the address of an Indian restaurant that appears to still be open. 500 meters by foot and we reach a pink villa that houses the Indian restaurant on the mezzanine. The place is pleasantly decorated with Indian figurines, the staff very friendly, the food refined with sweet or spicy sauces that highlight the excellent meat of this country and the New Zealand beer that never disappoints.

We go out and it’s already night. The return starts tomorrow and we need energy. A good rest is the only solution.

March 6, 2023

Invercargill has no particularities worth visiting. Brand new city with typical buildings up to 3 floors. We have a hearty breakfast in mine and Erno’s room, the largest and most spacious, which is also equipped with a kitchen. We’ve booked a whole house at Lake Tekapo for tonight, so we’ll take the opportunity to make spaghetti. It’s already been 10 days since I haven’t eat pasta and like a true Italian, I miss it. So the first stop is at the supermarket. We are stocking up and ready to reach Bluff, the southernmost point of Oceania.

We park in front of the yellow sign indicating the various straight-line distances between the Bluff and several world capitals. For Europe there is only London. There are 18,958 km between us and the capital of England.

We are exactly on the opposite side of the planet and the story of man and his progress inevitably crosses my mind. But that’s another story, and this is just a wonderful travel journal.

We spend a quarter of an hour taking the usual photos and set off again, leaving the south behind. We are heading for Lake Tekapo and to get there we travel 390 km accross the South Island. 390 km of wonders! The landscapes are repeating: green hills, ups and downs on a flawless asphalt that cuts through the generous nature. But even if they are repetitive, they never become monotonous. Just reruns of a show you never want to end.

It is evening and we are at our destination. Alexia found a little house on a slope of the hills around the lake. What a show! 4 bedrooms, 2 bathrooms, 1 laundry room, a large living room with kitchen and dining area. And a large front yard for motorcycle parking.

No rush tonight. We don’t have to find the restaurant because Maurizio will be our five star chef!

Finally we eat pasta! Maurizio gives his best and the dinner is perhaps the simplest but the best of the whole trip.

The evening ends with the usual Scala 40 and we take advantage of the laundry to wash and dry the clothes used so far.

March 7, 2023

I regret leaving the house that hosted us. Welcoming, comfortable and with everything you need. We enjoy a hearty breakfast. Erno likes to cook and eat an omelet with 4 eggs and enriched with salami and cheese. 6000 calories early in the morning will ease his journey to Kaikoura, the next stage.

We pass Geraldine, a town big enough to find traffic. There we lose sight a bit and Fabrizio, Antonella and I lead the group convinced that Erno and Maurizio are following us. We continue to leave the city, leaving behind warehouses and industrial spaces, but when I look in the mirrors I no longer see Maurizio and Erno. I catch up Fabrizio and tell him to stop.

Antonella and I both stop on the left side of the road to wait for Erno, Maurizio and Alexia.

2, 3, 5, 10 minutes pass…… and we don’t see them. We exchange a few words with fear, and as we decide to turn back, a speeding car comes towards us and with a sudden brake stops 10 meters in front of us. Out of it emerges a fat Maori, with pierced ears all over and full of tattoos shouting “Crash, Crash, Crash!!!!” and points in the direction we came from.

Our hearts jumped out of our chests… Either Maurizio or Erno had an accident and possibly a serious one; the Maori’s expression and the strength of his scream foreshadowed something bad. We are about to turn around and as we look to the right to make sure no car is coming we see Maurizio arrive followed by Erno at a fast pace and with his left hand gesturing ‘go go go!”. We are amazed but we follow his directions and follow him.

We set off again and after a few kilometers we all stopped to understand what had happened and why the Maori man had shouted “Crash, crash, crash” at us.

The 6000 calories of the omelet played a trick on our friend Erno. Instead of energizing it, coupled with the slow traffic in Geraldine, they put it to sleep. Just a moment, but enough to lose balance, climb onto a sidewalk, trying to straighten the motorcycle, and then, with the “cow” out of control, fall at 10 km per hour in the middle of the road. Nothing serious, nothing bad for Erno and the GS, but enough to impress the tattooed Maori and make him scream “crash, crash, crash” hysterically. And as always, all’s well when ends well.

We arrive at Christchurch. A welcoming city with a pleasant center. Lunch and souvenir shopping. Off again towards Kaikoura along the Pacific. I repeat myself when I talk about wonderful roads but I can’t help it. Superb curves, bumps, climbs and descents where you dominate the motorcycle without the slightest chance of not getting excited. A delusion. But the feeling can only be understood by those who love motorcycles.

I feel sorry for others but without the passion for motorcycles, they are devoid of indescribable emotions.

And then the Pacific. I leave to everyone’s imagination the feelings I experienced in front of the Pacific Ocean. For me, it is impossible to describe them and then they would be mine and so very personal and so I will let everyone imagine their own.

After a superlative 412 km we arrive in Kaikoura. 200 meters from the motel is a restaurant still open, the Lobster Inn, and it is only natural to order a lobster. Well… about the lobster, not even the smell. Just the name. The rest, meat dishes, wonderful, but meat. Around us so many television screens that they broadcast horse and dog races at the same time and we also enjoy a few bets. The day ends like any other with maddening speed, confirming the relativity of time.

A proper Scala 40 and a good night’s sleep. Tomorrow the ferry is waiting for us to return to the north island. Unfortunately, the end of the journey is coming.

March 8, 2023

The morning greets uswith a lot of rain. We postpone the departure waiting for it to calm down but also because we only have 160 km to Picton and boarding is scheduled for 5 p.m.

It’s still raining and so, dressed in waterproof gear, we head north. After half an hour’s drive, a Maori monument and car park appear on the oceanfront. We stop and immediately realize that brown spots are moving among the rocks lying on the shore.

They are a family of otariids, lying in the sun, moving a few meters by jumping from one rock to another. We are getting closer. They seem gentle and let us approach without showing any disturbance. We take 2000 photos of these animals so far from our world and then stop to finish the supplies made in Invercargill.

We all agree that wasting or throwing away food is a sin, and so we commit ourselves to exhausting the entire contents of the pantry that Antonella has carried, in a bag in the side luggage of her motorcycle, diligently since halfway through the trip.

We get on the motorbikes and leave for Picton. We arrive well in advance and wait in a parking lot in front of the port for boarding. Latent in all of us is that strange feeling that comes at the end of a wonderful vacation. Melancholy mixed with the pleasure of days gone by. A feeling that is experienced in the silence of the voice, but close to the spirit.

The ferry is on time this time. We spend our crossing time eating something we bought from a supermarket next to a vending machine and playing our classic Scala 40. Today we travel by day and can enjoy the spectacle of the creeks and fjords as we leave Picton.

We arrive in Wellington at night and after 22 km we find the motel. Tomorrow will be the penultimate stage and the wave of sadness keeps us company in our dreams.

March 9, 2023

And this morning the sky threatens with rain. A long stage awaits us to Otorohanga, a few kilometers from the Waitomo Caves. Time passes quickly, the eye is never tired of appreciating the beauty of this country and the 460 km ends quickly.

We have time to stop at the motel and take a well-deserved shower before descending into the center of the small town. And here there is only one restaurant and we are lucky to find the only table for 6 left.

After more than an hour of waiting, excellent meat as usual and good local beer cheer us up for the evening. Fabrizio and Antonella take the opportunity to take a romantic walk among the pleasant smells of the New Zealand pastures.

It’s time to rest. But first we have to renew the ritual of Scala 40 and before we go to sleep, the card keep us awake for a few more hours.

March 10, 2023

Today is the last day. Another 170 km and we’ll return the motorbikes to Randal. We are leaving late, past the check-out time limit. It almost seems like some strange force is holding us back, inviting us to stay in New Zealand. None of us are excited about going home. Everyone left their loved ones far away at home, but magical New Zealand managed to make us not to miss them.

We decide to go to the hotel in Auckland first to leave all the luggage in the room and then go to Randal to drop off the motorbikes. A hot day awaits us in Auckland with lots of traffic and lots of traffic lights. Every red light intersection and the wait it entails is a sauna, but finally we get out of town and head towards Maraetai, towards Randal.

Let’s have the last lunch together! Erno doesn’t sleep in the same hotel as us and the next morning we have different departure times. So after the drop off of the motorcycles we won’t see each other again. So, last lunch together at 4 in the afternoon. It’s a Chinese restaurant, still closed until 5pm, but Maurizio’s charm and Alexia’s English convince the Chinese to open an hour earlier!

At the end of lunch we get up slowly, listless. Just 10 km by motorbike and the journey is over.

And here we are at Randal’s. Randal is not at home, but Maurizio finds him at the neighbors house and together they return to us. He welcomes us with a big smile alongside his wife.

Yes, dear traveling companions, we must leave you. Each of us gets off the bike, but not before hitting the tank with our palm. It is a way of thanking themachine with which everyone establishes a human relationship that only a true motorcyclist can understand.

And here we also say goodbye to Erno.

Yes, great Erno, it was truly an honor and a pleasure to share these moments with you. A big handshake, a hug. No other words are needed. In that closeness and that embrace is all my appreciation for him and gratitude that we shared a special journey.

Photos, smiles, handshakes with Randal and his wife and the promise that we will meet again in Mugello, Italy at the Moto GP and maybe spend a few days visiting the intriguing Transylvania.

Let’s go back to the Ibis Budget Hotel. Fabrizio and Antonella will leave tonight at 4. Maurizio, Alexia and I tomorrow at 3pm. We will meet again in Melbourne from where we will fly together to Dubai. In the evening we take a walk around the hotel, but as usual, after 19.00 everything is closed.

One beer and one “pizza” split in 5 and consumed at the bar next to the hotel and bedtime. Europe is very far away. It will take 36 hours to get home with many flights and layovers.

March 11, 2023

It is the day of return. The boredom of waiting and the slowness of time spent in flight are the same as in all long journeys. When we arrive in Melbourne we find Antonella and Fabrizio who have preceded us by about 9 hours. They are already very tired, we are starting to be.

The flight to Dubai takes 14 hours. It is night and we sleep for a few hours. Exhausted, we arrive in Dubai in the morning.

The time has come to say goodbye to Fabrizio and Antonella as well. They go to Milan, we go to Bucharest. The greeting is a bitterness and a joy at the same time. The bitterness of the end of a great adventure and the joy of having more friends. See you guys soon on the nextadventure. Where? We don’t know, but wherever it will be, together, it will be a big and fabulous one!!!

March 12, 2023

Once we arrive in Bucharest, Fabrizio and Antonella in Milan and Erno in Budapest, WhatsApp notifications start to be heard confirming everyone’s arrival and that everyone is fine.

It started with WhatsApp, it ends with WhatsApp. It ends, but I hope, in fact I’m convinced, that it’s just the end of a prologue to more wonderful experiences.

[text original]

Diario del viaggio nel Paradiso della Moto

Piero Francisci

 

 

24 Settembre 2022 ora 20.57

 

“ Nuova Zelanda fine febbraio….ti va?”

“Se non corri….”

 

E cosi,’ con un messaggio e una risposta tra amici su whatsapp, nasce la folle idea di fare un giro in moto in Nuova Zelanda. Da tempo leggendo i blog dei mototuristi e seguendo i video di chi ama viaggiare in moto mi ero incuriosito sulla Nuova Zelanda….tutti ne parlavano entusiasti e il fatto stuzzicava la mia immaginazione.

Il viaggio e’ andato oltre la mia immaginazione. Non ci sono foto,video,racconti che possono restituire fedelmente le emozioni che si provano girando in moto questo paese.

Grande 2/3 dell’Italia, con 2 isole maggiori la nord e la sud, popolata da soli 5 milioni di persone in buona compagnia di 10 milioni di bovini e 25 milioni di ovini , un trionfo del colore verde in ogni possibile tonalita’ e paesaggi stupendi e diversi, dal mare ai monti, dalle valli e colline fino ad altipiani aridi e fiordi profondi,strade meravigliose progettate da motociclisti per motociclisti, in sintesi la Nuova Zelanda.

Dopo mesi di preparativi e gli ultimi giorni prima della partenza trascorsi a trovare il modo di fare bagagli che rientrassero nel peso del biglietto, il 23 Febbraio alle 23.30 partiamo : io,Maurizio ed Alexia da Bucarest, Antonella e Fabrizio da Milano, Erno da Budapest .

24 Febbraio 2023

Ci ritroviamo a Dubai con Antonella e Fabrizio e insieme ci faremo un voletto…corto…appena 16.5 ore!!! Aimhe’…il giorno trascorre in aereo e negli aereoporti. Ho guardato l’orologio 2567 volte!!! E ho sentito russare in 154 lingue. Il bresciano russa bene!!!

25 Febbraio 2023

Finalmente dopo 28 ore di viaggio sommate a 12 ore di differenza di fuso, partiti giovedi sera del 23 Febbraio ci ritroviamo ad atterrare a meta’ giornata di sabato 25 , alle 12 ora di Auckland pari alla mezzanotte del venerdi 24 in Italia. Un viaggio interminabile….quando sullo schermo della poltrona dell’aereo vedi che stai per iniziare ad attraversare l’Australia, ancora all’arrivo mancano 8 ore!!! E la domanda che ricorre insistente nella mente e’: ma ne varra’ la pena?

Scesi dall’aereo e diretti verso il controllo doganale ci imbattiamo in una coda di uomini dai 30 ai 40 anni chiaramente dai tratti somatici aborigeni, un gruppo con magliette rosse ed un altro con magliette verdi. Entrambi comunque emanatori di un “odore” di umanita’ con possibili effetti letali e grazie alla destrezza di Maurizio saltiamo loro e la fila ritrovando una zona ricca di aria pura e prossima al controllo. In 10 minuti siamo legalmente in Nuova Zelanda!

Qualche problema con lo YELLOW BUS ma alla fine riusciamo a capire come muoversi dall’aereoporto all’hotel. Per noi sono le 2 di notte ma a Auckland sono sempre le 2 ma del pomeriggio! Maurizio propone di non dormire, dopo 35 ore svegli ritiene che stiamo imparando a non dormire e non e’ il caso di tornare alle banali abitudini ; quindi doccia e via al centro commerciale di Auckland con taxi da 6 posti guidato, come forse tutti i taxi della Nuova Zelanda da un indiano con turbante. Prima di scendere lo prenotiamo per la mattina successiva alle 9.30 quando da Auckland ci dovremo recare a Marateai, a circa 30 km, per prendere le moto.

Dal centro commerciale ci spostiamo verso il porto. E gia’ qui ci rendiamo conto dell’ospitalita’ del paese; prendiamo infatti un autobus urbano e l’autista vedendoci turisti, stanchi e imbranati ci fa salire senza pagare.

Cena al Poni Room di Auckland Harbour e prima degustazione di vino rosso locale…..bhe…ancora sul versante enologo i nuovi zeolandesi hanno molto da imparare!!! Finalmente dopo cena prendiamo 2 taxi e ritorniamo in hotel, al Gateway Airport. Appuntamento al breakfast alle 8.30.

Buona notte ragazzi, dopo 50 ore da svegli ci ricorderemo come si dorme?

26 Febbraio 2023

La notte e’ trascorsa tranquilla, tutti e 5 ci siamo improvvisamente ricordati di come si dorme e lo abbiamo pure fatto bene! Alle 8,30 siamo gia’ a riempirci le pance con il breakfast continentale dell’hotel aspettando il tassista indiano.

Io ero seriamente preoccupato. Del noleggio delle moto me ne ero occupato personalmente per E-mail e comunicando con Randal, l’uomo delle moto, in inglese grazie all’amico Google Translate (il mio inglese e’ pari a 0, forse un po meno…). Avevo pagato anche l’anticipo ma la sicurezza che l’agenzia esistesse e le moto ci fossero non ce l’avevo. Immaginatevi che situazione imbarazzante sarebbe stata arrivare a 19000 km da casa per farsi una vacanza in moto e ritrovarsi senza motociclette!

Per cui le ore dal risveglio all’arrivo a Maraetai le vivo in tensione anche se Maurizio le confonde con la mia abituale “agitazione”. L’indiano e’ puntuale, carichiamo le valigie semivuote che lasceremo a Randal e via verso la spiaggia di Maraetai. Troveremo le moto o dovremo passare al piano B che nemmeno abbiamo?

Qualche problema per trovare Colson Lane 10 Maraetai, ma alla fine arriviamo. Il taxi sale su una strada bianca e finalmente sotto la tettoia di una casa di legno scorgiamo 5 motociclette! Randal esiste! Le moto ci sono! Internet e’ fantastico! Si , si andremo in moto. Mi sento meglio, molto meglio!!!!

Randal e’ un giovane vecchio ( come me …sui 60 anni…) atletico ed empatico. Ci salutiamo come se ci conoscessimo da una vita….e tale situazione mi rende di buon umore. Leggo nelle facce dei miei compagni di viaggio lo stesso entusiasmo. E li lascio alle mie e alle loro formalita’. Contratto, franchigie, garanzie, pagamenti eccetera e alla chiacchierata con Randal. Tanto io dell’inglese capisco solo 2 parole su 200 ma comunque sono fiero del mio lavoro !!! Abbiamo le moto, le ho trovate dall’altra parte del mondo e sono pure belle moto!!! Mi autoelogio BRAVO PIERO!!!

Tenuto conto che l’altro compagno di viaggio, Erno da Tirgu Mures (sembra quasi un nome epico!!!) arrivera’ piu’ tardi direttamente dall’aereoporto decidiamo di prendere dimestichezza con le prime 4 moto e di farci un giro nei dintorni.

A me tocca la moto piu’ giovane una Tiger Triumph 900 con soli 1100 km. Motociclista vecchio e moto giovane ma nonostante la differenza generazionale ci capiamo subito.

A Maurizio, che avra’ come regista del tour ma passegero Alexia, una esperta Yamaha super tenere’ 1200, un po’ stanca ma comunque ancora robusta e affidabile al di la’ dei suoi 90.000 km.

Fabrizio si prendera’ cura (e viceversa) di una BMW 700 GS, un ferro di mezza eta’ come Fabrizio, 45.000km, ma un ferro tedesco che,come Fabrizio, non tradisce mai.

E Antonella, la meravigliosa sorpresa del viaggio, domera’ un Kawasaki Versys 300 quasi nuova. Solo 5.000 km percorsi. Moto leggera ma suntuosa che Antonella guidera’ per 4.200 km senza la minima sbavatura durante i percorsi e solo qualche impaccio nelle soste e nei parcheggi.

Ancora ferma c’e’ la “mucca” preparata per Erno. Una BMW GS 1200. La moto ideale per scarozzare la mole del professore!!

Ed ecco che partiamo con i nostri ferri e……ragazzi occhio qui si guida a sinistra, le rotatorie sono in senso orario e il pericolo quando entri in strada e’ a destra!!!

Allora…ci proviamo? E vai …e via a destra ma a sinistra lungo la spiaggia. Una spiaggia meravigliosa sul Pacifico dove contiamo 10 persone. Con una spiaggia cosi’ a Riccione di domenica mattina alle 11.30 sarebbero state 100.000!!! Vedere arrivare a destra le macchine che viaggiano nel senso opposto ci provoca un po’ di confusione ma rimaniamo concentrati e lungo la costa ci facciamo i primi 100 km. Gia’ ci rendiamo conto che le strade sono perfette, la segnaletica orizzontale e verticale impeccabile, il traffico ordinato e il paese di un verde soprendente. Un altro verde rispetto ai nostri europei.

Ci fermiamo a bere un caffe’ e abbiamo ancora una volta la conferma che il segreto della tostatura del caffe’ rimane tutto italiano.

Torniamo dopo circa 2 ore da Randal e dopo 10 minuti ecco arrivare la moglie di Randal con Erno. Guardando arrivare l’auto dal vialetto mi accorgo che la macchina pende vistosamente verso la sinistra del conducente. Quando Erno scende, capisco il motivo. La moglie di Randal 50 kg, Erno 120!

Grandi saluti con Maurizio, Alexia, Fabrizio e Antonella con i quali ha condiviso altri viaggi. Per me e’ il primo incontro ,la consueta stretta di mano di chi si conosce per la prima volta ma sento subito che ci sara’ empatia, feeling.

Aspettiamo Erno che completi le formalita’ del noleggio, che si vesta per andare in moto e che salga sul GS e salutato Randal e la moglie riprendiamo la strada verso Auckland . Viaggiamo in carovana, io davanti,Erno ultimo. Ma all’avvicinarsi ad Auckland lascio il comando del gruppo a Fabrizio che si e’ comprato una SIM Vodafone New Zealand e quindi munito di navigatore Google maps ci guidera’ con maestria per tutto il viaggio.

Prima sosta e pranzo. Oggi mangiamo in Vietnam. Scegliamo degli spaghetti trasparenti e ancora non siamo riusciti a stabilire se fossero di riso o di plastica?!?

Riprendiamo le nostre compagne di viaggio con le quali ognuno di noi comincia ad abituarsi, a conoscersi, ad apprezzarsi…..anche qui la magia si ripete ….l’intimo rapporto tra l’uomo e il ferro come se quel marchingegno di acciaio, plastica, gomma e bulloni avesse un anima, un cuore e si prendesse cura di noi. La magia della moto che solo gli appassionati sanno riconoscere.

Velocemente in hotel per preparare al meglio i bagagli che ci seguiranno lungo le isole. La prepararazione dei bagagli e’ per ogni mototurista un rito. E’ uno studio profondo della logica di sistemazione e uno sforzo nel memorizzare dove metteremo le cose che ci serviranno piu’ e quelle che ci
serviranno meno. In moto, non puoi lasciare niente al caso, ogni dettaglio e’ fondamentale e puo’ fare la differenza fra un grande divertimento e un grande disastro. E questa attenzione al dettaglio e’ una delle cose che amo di piu’. Mi occupa completamente la mente liberandola da tutti gli altri problemi della quotidianeta’. Paradossalmente mi rilassa, mi riposa anche se perennemente accompagnata dall’espressione “ che rottura di co….”

Decidiamo di andare a cena al nord di Auckland, di andarci in moto. 25 km sul raccordo anulare? Sulla tangenziale? Sulla variante? Bho…non lo so …comunque su una 3 corsie che attraversa Auckland, citta’ moderna, estesa popolata da circa la meta’ di tutta la popolazione Neo Zelandese. La torre della Tv simbolo della citta’ svetta nella notte. Stasera e’ illuminata di rosso ma noi non abbiamo tempo di fermarci e fotografarla, siamo talmente concentrati con la guida a sinistra e il traffico serale della capitale morale che non ci permettiamo di fare una sosta.

Arriviamo al ristorante, un pub all’inglese dove devi visitare tutta l’abitazione per poter trovare la cucina, ordinare che cosa vuoi e ricevere in cambio una bandierina con un numero. Qualcuno piu’ tardi , seguendo il numero ci portera’ l’ordine. Curiosi sulla cucina? Bhe…come il vino …lasciamo perdere e accontentiamoci di un fish and chips! In cambio sulla birra non deludono lo spirito anglosassone !!! Buona sul serio.

Dopo cena visita sotto al ponte che attraversa la baia, selfie e indietro all’hotel . La moto va guidata di giorno! E non solo in Nuova Zelanda. Le luci che riflettono sulla visiera moltiplicano l’attenzione, forse ancora l’orologio biologico dissestato mi provoca stanchezza. 25 km soli, ma ho incontrato difficolta’.

E all’hotel una bella SCALA 40. Si siedono al tavolo il campione mondiale dell’oratorio, il campione mondiale della sacrestia. Chi sono lo scopriremo piu’ tardi ma la partita la vince un outsider. L’oratorio e la sacrestia sono lontanissime, gli outsider hanno la meglio.

Il 26 e’ finito….domani comincia il giro della Nuova Zelanda, per i francesisti Le TOUR de Nouvelle Zelande, per noi una grande avventura.

Isola del nord

27 Febbraio 2023

Tutta la notte e’ piovuto. Non e’ stato difficile accorgersene tenendo conto che l’hotel Gateway ha i tetti di lamiera senza nessun isolamento e quindi il tintinnio della pioggia ha fatto da sottofondo alla nostra dormita.

Mi sveglio presto, forse ancora frastornato dalle 12 ore di differenza di fuso orario o forse per l’emozione di iniziare il viaggio. Preferisco pensare sia quest’ultima. Emozionarsi ancora per un viaggio in moto a 61 anni mi fa sentire ancora giovane!

Le moto sono parcheggiate proprio difronte alla vetrate delle camere e iniziamo il rito del carico bagagli. Fabrizio guidera’ il gruppo verso la destinazione di oggi: Rotorua. Usciamo in carovana e prendiamo l’autostrada. C’e’ il traffico tipico di una grande citta’ e di un giorno lavorativo e con la guida a sinistra proviamo qualche imbarazzo. Dopo appena 20 km verso sud, Fabrizio decide di uscire dall’autostrada anche perche’ e’ ricominciato a piovere e dobbiamo tutti indossare l’antipioggia.

Decidiamo insieme di mettere sul navigatore l’opzione” senza autostrade”. Vogliamo goderci i luoghi che attraverseremo e l’attenzione indispensabile in autostrada non ce lo permetterebbe. Ecco allora che percorrendo le strade secondarie verso il sud ci appare la Nuova Zelanda. Lievi colline solcate da queste strisce di asfalto perfette che dividono pascoli verdissimi dove, come nel presepe, pascolano pecore e mucche.

E’ un piacere sgassare…niente buche, niente sobbalzi. E’come una pista della Moto GP. Fantastico. Nel blocco di carta dove, alla fine della giornata, annotavo km e luoghi visitati ho scritto di getto “strade favolose !!!!”

E ”talmente piacevole correre su queste strade che a un certo punto, in un attimo di follia giovanile, sorpasso il gruppo che andava a 120/130 km all’ora e decido di lasciar correre tutti i 95 CV della Triumph. 140,150,160,170,180,190,200 …e’ un piacere veder crescere i numeri del tachimetro digitale, sentire il rumore del 3 cilindri che diventa piu’ acuto e la sezione della strada diventare piu’ stretta!

2,3 km cosi…non di piu’ perche inevitabilmente la ragione della anzianita’ torna a prevalere sulla follia giovanile e rallento. Guardo negli specchietti e con soddisfazione mi ritrovo solo…” Li ho seminati!! Gli ho dato almeno un minuto!!!”

Il minuto passa, ne passano 2, 3, 4 e allora la soddisfazione lascia il posto al dubbio. Ho sbagliato strada? E in effetti, tornando indietro, ritrovo gli amici che con tanto fair play mi stavano aspettando ad un incrocio. Avevo tirato dritto nell’euforia della velocita’ ma invece dovevamo girare a destra verso la nostra tappa intermedia “Il Villaggio degli Hobbit”.

E’ proprio qui che hanno girato alcune parti del “Il signore degli anelli” e all’interno di una fattoria hanno realizzato il fantasioso villaggio degli Hobbit. Le scene ,che al cinema sembravano frutto di effetti speciali ottenuti grazie alla tecnologia digitale, sono solo riprese classiche in un luogo fantastico che esiste per davvero. Visitiamo il villaggio, interessante anche se di tutto quello che la guida ci ha spiegato io personalmente non ho capito niente. La mia, ma non solo mia, fortuna e’ che Alexia , ragazza fantastica, parla e capisce bene l’inglese e quindi ci sintetizza con abilita’ le cose salienti indicate dalla guida.

Dopo una sosta di 3 ore fra visita e pranzo riprendiamo le moto diretti verso Rotorua. Altre strade magnifiche , altri sali e scendi da brividi e siamo nei “Campi Flegrei” della Nuova Zelanda. I vapori escono dalla terra ovunque formando nuvole bianche che investono la cittadina.

Troviamo velocemente il motel e lasciati i bagagli e fatta una rapida doccia Alexia trova su internet un ristorante che ci ispira’ Cobb&Co”. Con Uber arriviamo al ristorante ed oltre ad una gentile cameriera che parla il francese, facciamo conoscenza con un robot che ci serve al tavolo. Non sappiamo bene se ci siamo presi, dai vassoi del robot, i piatti che effettivamente ognuno di noi aveva ordinato ma comunque mangiamo bene e beviamo una buona birra neozelandese. Durante la cena abbiamo deciso il pernottamento dell’indomani. Tenuto conto che il traghetto per arrivare all’isola del sud sara’ alle 20.30 decidiamo di accorciare la tappa e invece di arrivare a Wellington ci fermeremo a Bulls, 150 km prima.

Prenotiamo l’alloggio con Internet e dopo l’ottima cena ce ne torniamo al motel. Gli arditi Antonella, Fabrizio e Maurizio a piedi, i pigri Alexia, Erno ed io ancora con Uber. La giornata e’ stata intensa e una volta disteso sul letto mi accoglie senza esitazione l’abbraccio di Morfeo. Buonanotte a noi!

28 Febbraio 2023

Ormai le difficolta’ del fuso le abbiamo superate, ci svegliamo la mattina riposati e pronti per la nuova tappa. Percorreremo verso il sud circa 320 km per arrivare a Bulls. Abbiamo ancora un grosso problema da risolvere: i biglietti per il traghetto con cui attraverseremo il Pacifico nello stretto di Cook da Wellington a Picton nell’isola del sud.

Randal , gentilissimo, prima del nostro arrivo in Nuova Zelanda era riuscito a farci la prenotazione ma noi non ci accorgiamo che il pagamento andava fatto entro il 25 febbraio e non lo facciamo. Non sappiamo quindi se avremo o meno il posto sulla nave pur avendo i numeri di prenotazione. Con internet non riusciamo a cavare un ragno dal buco. Proviamo a chiamare e ci lasciano in attesa per piu’ di mezz’ora per poi risponderci e rimbalzarci ad un altro numero. L’unica cosa che ci resta da fare e’ andare ad un centro di informazioni turistiche. Questo paese e’ veramente organizzato per l’accoglienza ai turisti. Ogni localita’ ha un centro dove ti aiutano per prenotazioni, per visite particolari ecc ecc.

Fabrizio digita sul navigatore l’indirizzo del ufficio informazioni e ci guida fino a li’. Entrano in scena Alexia ed Erno. Con il loro inglese fluente raccontano il nostro problema ai ragazzi dietro al desk. Una giovane maori con struttura da pilone di rugby e un giovane meticcio maori-aborigeno con un corpo da ballerino classico ed evidenti movenze affeminate.

Gentilissimi entrambi risolvono con il traghetto facendoci pagare i biglietti e ci danno informazioni su cosa visitare in zona. Fra le possibili opzioni c’e’ la visita al centro di protezione degli uccelli KIWI, simbolo della Nuova Zelanda . Sono degli uccelli che vivono esclusivamente in questo paese e con la particolarita’ di non avere ali. Inoltre depongono uova con dimensione di 8-10 volte le uova di una gallina pur avendo una mole molto simile a quella di un pollo.

La visita finisce in meno di un ora . Al risveglio il cielo minacciava pioggia ma ora e’ caldo e c’e’ il sole. Riprendiamo le moto e via verso il sud. Il tempo cambia durante il tragitto e siamo costretti ad indossare l’antipioggia.

Le strade continuano ad essere favolose. Un asfalto perfetto che viene continuamente conservato con lavori di manutenzione dello strato di usura. La segnaletica e’ impeccabile : si potrebbe guidare solo seguendo i segnali verticali senza guardare la strada. Attraversiamo fitte foreste, pascoli verdissimi e piccoli centri urbani dove ad ogni distributore puntualmente ci fermiamo. Se ci fosse un capitolo sulla guida Michelin dedicato ai bagni pubblici della Nuova Zelanda, Alexia ne sarebbe l’autore. Non perde mai l’occasione per recarsi al wc, forse temendo di averne realmente bisogno e non poterlo fare durante i tragitti in moto.

Percorriamo molti kilometri con la pioggia e io rimango sorpreso di Antonella. Guida la moto da solo 2 anni ma sembra un centauro da una vita. Non sbaglia mai le traiettorie, nonostante i pochi cavalli tiene il passo delle moto piu’ potenti gettandosi in sorpassi con prudenza ma senza paura e sull’asfalto bagnato sembra esaltarsi. Un mito!

Arriviamo a Bulls. Le chiavi del motel prenotato dovrebbero essere nella cassetta della posta della reception. Alexia controlla ma nessun nome scritto sulle 3 buste che trova corrisponde al nostro!! C…..siamo senza camere? Per fortuna su un foglietto attaccato alla porta c’e’ un numero di telefono e dopo 10 minuti dalla chiamata di Alexia si presenta una signora maori in completa confusione mentale. Alla fine scopriamo che altri ospiti hanno preso le nostre chiavi e la signora provvede diligentemente a “sfrattarli “ e a restituirci le nostre camere.

Sono gia’ le 7 di sera e ci rendiamo conto che in questo paese le attivita’ commerciali chiudono molto presto e trovare da mangiare oltre le 7 diventa un impresa. Decidiamo allora di lasciare i bagagli al motel e rapidamente muoverci con le moto verso il centro (attenzione alla definizione di centro, completamente diversa da quello che intendiamo noi. Per noi e’ la piazza, l’agora’ dove dominano i palazzi antichi dei vecchi signori e padroni della citta’ o chiese antiche a testimoniare le nostre radici profonde nel passato. In Nuova Zelanda il centro e’ il tratto di strada principale dove sono presenti piu’attivita commerciali ubicate all’interno di costruzioni spartane in legno e lamiera che al massimo avranno 25 anni).

E’ tutto chiuso. Vediamo dietro un distribuitore di benzina una vetrina ancora illuminata. Un popolare ristorante indiano dove stanno per chiudere. Hanno gia’ appoggiato le sedie sui tavoli per lavare il pavimento. Alexia, la nostra mitica Alexia, scende velocemente dal Tenere’ e chiede se si puo ancora mangiare. L’indiano, forse guardando il cassetto degli incassi della giornata non particolarmente pieno, ci accoglie rimettendo le sedie di plastica al loro posto.

Maurizio prende l’iniziativa e ordina tutti i piatti presenti nel menu; CHICKEN TIKKA, SAMOSA, SPEIGHT ecc ecc . Il tavolo si riempe ed appare evidente che il pranzo precedente al Burger King non era stato lauto. In 10 minuti, assaggiando (si fa per dire…forse il verbo sarebbe divorando) un po’di tutto, svuotiamo i piatti. Io personalmente ho trovato i piatti squisiti. Non ho capito che cosa abbiamo mangiato ma so di aver mangiato benissimo. E’ qui che Alexia fa la conoscenza con il lemon, lime & bitters, una bottiglietta da 330 cl in vetro, riempita di acqua minerale con succo di lime e di limone che sara’ la sua bibita per tutto il viaggio. Noi, gli altri, incontriamo la birra neozelandese e come Alexia non la lasceremo piu’.

Lo stare insieme intorno ad un tavolo, si sa, per noi latini e’ un rito. E’ il modo con cui ci conosciamo, ci confrontiamo, ci avviciniamo e il rito si ripete anche qui a Bulls fra battute, risate e discorsi seri fino a quando, vedendo la signora indiana che ostinatamente pulisce con lo straccio sempre la stessa mattonella, capiamo che e’ l’ora per loro di chiudere e per noi di andarcene. Pagato il conto torniamo in sella ai nostri ferri e via al motel.

Domani si cambia isola, ancora piu’ a sud. Sara’ meglio farsi una bella dormita anche perche’ durante la cena Alexia ha ricevuto un email dalla compagnia dei traghetti che sposta la partenza del ferry dalle 20.30 di sera alle 2.30 di notte. Sara’ una lunga giornata!

1 Marzo 2023

Stamattina non c’e’ fretta. Ci sono da fare solo 150 km fino a Wellington e comunque il traghetto partira’ di notte. Lasciamo il motel di Bulls verso le 11 e con molte soste durante il percorso ci avviciniamo a Wellington. Wellington e le sue periferie sono incastonate fra valli e colline che s’affacciano sul mare. Entrare nella zona urbana e’ un divertente e continuo su e giu’. La sensazione, scendendo verso il porto e’ di trovarsi sulla costa ligure quando, uscendo dalla A10, si scende verso il mare. Stessi tornanti, stessi cespugli fioriti, stessa brezza e stesso odore di mare.

Tutte le citta’ della Nuova Zelanda sono colorate di insegne, di costruzioni moderne ma senza che cio’ risulti sgradevole al visitatore. Anzi l’ordine, la pulizia sia delle strade che delle case che degli spazi commerciali le rendono gradevoli e allegre. E anche Wellington ci appare cosi’. Inoltre, gli abitanti, hanno l’abitudine di appendere agli architravi dei cesti o vasi pieni di fiori colorati come segno di benvenuto ai visitatori. Bello veramente! Solo in basso, al centro direzionale troviamo palazzi di vetro e cemento con piu’ livelli, forse 10/15 piani al massimo, ma sono cosi’ pochi che si possono contare sulle dita.

Arriviamo nel primo pomeriggio e ci rechiamo subito al porto per capire come funziona la traversata con il ferry. Non siamo proprio convinti dell’autenticita’ dell’email ricevuto da Alexia e speriamo che l’informazione della partenza in ritardo non sia vera. Magari riusciamo a prendere il traghetto alle 20.30 o addiritura la corsa precedente.

Purtroppo l’email era autentico. Si partira’ alle 2.30 della notte!

Erno comincia ad accusare un fortissimo mal di gola e una fastidiosissima tosse. Ha bisogno di riposarsi.

Ancora mancano circa dieci ore all’imbarco e allora risaliamo in moto cercando un parco dove stenderci e riposarci e far trascorre il tempo. Abbiamo bisogno di risparmiare energie considerando che una vera dormita la faremo solo fra 36 ore.

Fabrizio inserisce l’indirizzo di un parco nel telefono e google maps ci guida in cima ad una collina. Non e’ un parco ma una specia di giardino botanico e allora decidiamo di parcheggiare e di riposarci sul prato antistante un grande palazzo convinti che li’ troveremo un caffe’. Niente da fare. Niente caffe’.

Non ci rimane altro che giocarci una bella scala 40 mentre Erno si stende sul prato tentando di dormire e Alexia naviga su internet alla ricerca di un ristorante per la cena.

Dopo due ore di relax la fame comincia a sentirsi e allora scendiamo la collina verso il centro basso della citta’. La citta’ e’ quasi deserta. Sono solo le 7 di sera ma a queste latitudini e longitudini probabilmente si va a letto presto. Troviamo un parcheggio per le moto vicino al vecchio porto e girato l’angolo un ristorante cubano “Ernesto’s”, uno dei pochi ancora aperto.

La cena e’ decente ma niente di particolare e molto al disotto delle aspettative indotte dall’accogliente ristorante e dalla bellissima cameriera del nostro tavolo. Vogliamo assaggiare il vino della Nuova Zelanda e ordiniamo una bottiglia di rosso. 115 euro 0.75 lt. Meglio soprassedere sulla qualita’. Forse l’alcool sanitario e’ piu’ gradevole!!!

Ancora mancano 5 ore all’imbarco e allora ci facciamo una passeggiata al porto e una birra all’esterno di un pub deserto ma ancora aperto. Risaliamo in moto e ci trasferiamo al porto. Forse la sala dell’accettazione sara’ aperta e potremo schiacciare un pisolino su una poltrona. Tutto chiuso. C’e’ solo una banca all’esterno con 5 sedie e noi siamo in 6. Facendo appello a memorie giovanili ed a energie che vanno scemando decido di sdraiarmi sul marciapiede e provare a dormire. Ci riesco e addirittura un video girato da Maurizio lo conferma. Sto russando e dal tono del russo sembra pure un sonno tranquillo.

Gli altri, comodamente (si fa per dire) seduti sulle sedie seguono il mio esempio e un paio di ore trascorrono velocemente.

Finalmente comincia l’imbarco. Alle 3 siamo dentro. Leghiamo le moto nei modi meno sicuri possibili confidando nell’aiuto ultraterreno. Alle 4 si parte ancora con circa 2 ore di ritardo. Fra 4 ore sbarcheremo nell’isola del sud. Il sonno vince le resistenze di tutti e nelle posizioni piu’ strane riusciamo a riposarci un po’. Domani al sud sara’ dura. Vedremo…..

L’Isola del Sud

2 Marzo 2023

Alle 8.30 l’altoparlante del traghetto ci avverte che possiamo scendere ed avvicinarci ai mezzi. Siamo arrivati a Picton. Maldestramente liberiamo le moto dalle corde e in fila indiana scendiamo dalla rampa.

La destinazione di oggi e’ Westport sulla costa occidentale. Alexia ha gia’ prenotato il prossimo motel a Carters Beach a 5 km da Westport.

Attraversiamo la regione di Marlborough che a leggerne il nome sembrerebbe la capitale del tabacco. Invece, grande come l’Umbria, e la zona da dove proviene il 75% della produzione vinicola neozelandese. A destra e sinistra dominano vigne di diverse speci ma tutte curate come i giardini di Versailles. Il trionfo della cura e dell’attenzione degli agricoltori del posto.

Le vigne dominano la valle e dietro filari ordinatissimi e tutti della stessa altezza le colline ospitano pascoli verdissimi dove greggi di pecore e mandrie di vitelli sembrano godersi il paradiso. E’ un piacere correre in moto circondati da questi paesaggi. Ci fa dimenticare la stanchezza restituendoci energia. Ci viene voglia di urlare nel casco!

Nel primo pomeriggio arriviamo al motel. Erno e’ visibilmente peggiorato. Ha addirittura la febbre e decide che rimarra in camera mentre noi ce ne andremo a 50 metri da “Donaldo’s” gustando un ottima cena. La accompagnamo con un vino bianco. Maurizio insiste sul fatto che sono i vini bianchi l’eccellenza della Nuova Zelanda. Rimango, anzi rafforzo il mio parere. Vigne stupende ma sulla qualita’ del vino sono ancora lontanissimi dai nostri parametri.

Quando ci alziamo da tavola e’ ormai sera. Il sole gia’ e sceso nelle acque dell’oceano e lascia nel cielo colori stupendi. Sulla linea dell’orizzonte del mar di Tasmania un rosso arancione che va degradando verso il cielo al viola fino al blu scuro della notte. Impossibile descriverlo con parole ma da solo sufficiente per giustificare il viaggio .

Al motel verifichiamo le condizioni di Erno. Non sono buone e domani ci aspetta una lunga tappa lungo la costa ovest. Speriamo che la notte porti un miglioramento altrimenti per il professore sara’ veramente dura.

3 Marzo 2023

Come al solito sono il primo a svegliarmi. Alle 6.30 sono gia’ vestito. Esco dal perimetro del motel e attraverso la strada deserta ed un allegro parco per bambini per arrivare alla spiaggia.

Lunga qualche decina di chilometri, larga 200 metri. Una sabbia grigia, finissima, pettinata dal vento e dall’eterno movimento del mare. Deserta. Alla tenua luce dell’alba mi sento un piccolissimo intruso in quella meraviglia del creato. Cammino in punta di piedi come se volessi non disturbare; intimorito dallo spettacolo apertosi difronte agli occhi e dal suono dolce di un mare calmo che accarezza il bagnasciuga.

La mente se ne va e tanti pensieri la invadono fino a confonderla. Classico e raro momento in cui ci domandiamo il senso della vita, ma come dice Vasco, un senso non ce l’ha! Resto qualche minuto sufficiente per “ illuminarmi di immenso” come Ungaretti la Mattina e raccogliere qualche conchiglia portata dall’oceano.

Rientro in camera attendendo il risveglio di Erno per capire come si sente. Purtroppo non bene. La situazione forse e’ peggiorata invece che migliorare. Erno e’ un gigante sia fisicamente sia nella forza di volonta’. Rassicura tutti che ce la fara’ e finito il rito della vestizione e del carico bagagli, partiamo.

E’ prevista per oggi una lunga tappa, da Westport fino ad Haast, quasi 500 km e per molti costeggeremo la cost occidentale.

Ci lasciamo alle spalle le due cittadine piu’ grand, Greymouth e Hokitika per poi percorrere centinaia di km senza traffico, con strade incredibilmente belle anche se percorse tutte sotto una pioggia incessante. Sali, scendi, tornanti, curve larghe, curve strette, ma tutto segnalato con la massima cura. Sarebbe un umiliazione sbagliare una traiettoria di una curva con questi segnali!

Ci fermiamo diverse volte per le consuete verifiche di Alexia sulle condizioni dei wc neozelandesi e per fare benzina. Ad un distributore mi accorgo che Fabrizio sta cercandosi addosso, con apprensione, il telefono e impallidito ci dice di averlo perso. E’ facile immaginare come ci si sente alla perdita del telefono…Siamo talmente abituati a consegnare la nostra vita, il nostro mondo con tutto quel che significa a questa scatola di vetro e plastica che, nel momento in cui non la troviamo, il senso di smarrimento ci assale togliendoci ogni certezza e proiettandoci in un prossimo futuro pieno di casini. Non e’ un caso che la tipica frase che accompagna l’accorgersi della perdita e’ “ Che casino…ho perso il telefono!!!”

Anch’io, avvilito e dispiaciuto dell’inconveniente di Fabrizio comincio a fare domande ed affermazioni stupide come se le stesse, da sole, fossero la soluzione del problema; tipo” ma dai non e’ possibile/ ma forse ti e’ caduto in bagno/ ma forse distrattamente l’hai infilato nei bagagli” ecc.ecc.

Quando ormai Fabrizio aveva perso ogni speranza ed accettato con rammarico l’idea di una giornata di merda, mi accorgo che la tasca posteriore della sua giacca, che Fabrizio si era tolto e teneva ripiegata sull’avambraccio, ha uno strano, sottile gonfiore. Tasto la giacca ed ecco sentire l’inconfondibile sagoma di un telefono.” Ma , Fabrizio, non e’ questo?”

Ed ecco allora la resurrezione. Il viso di Fabri, cupo e pensieroso, trasformarsi come d’incanto in solare: occhi lucidi di gioia e un sorriso simpaticissimo da orecchio a orecchio!!! Era il telefono smarrito e tutto il gruppo si sente sollevato!

E vai ragazzi, si riparte. Ancora acqua, ancora curve tra le foreste impentrabili e nonostante la pioggia, gas,gas,gas!

La tappa e’ stata lunga ed arriviamo ad Haast che sono ormai le 7. Sulla carta Haast e’ indicato con lettere grandi, in grassetto e punto rosso. Ci aspettavamo quindi una localita’ simile alle altre attraversate. Una via principale con tante attivita’, negozi, ristoranti. Addirittura al nostro arrivo incrociamo la prima auto di polizia da quando siamo arrivati in Nuova Zelanda, conferendo al posto una certa importanza. Prendiamo le camere e in qualche minuto siamo pronti per la cena. Maurizio, come sempre curioso, fa una capatina in internet e il Mago Wikipedia lo informa che: il numero di abitanti nel villaggio e’ di 84, secondo il censimento del 2018, e in tutta l’area di competenza di 4099 km2 (pari a 409.900 ettari cioe’ quasi 680.000 campi da calcio!!!) vivono 258 persone.

Prendiamo le camere e in qualche minuto siamo pronti per la cena. Maurizio, come sempre curioso, fa una capatina in internet e il Mago Wikipedia lo informa che: il numero di abitanti nel villaggio e’ di 84, secondo il censimento del 2018, e in tutta l’area di competenza di 4099 km2 (pari a 409.900 ettari cioe’ quasi 680.000 campi da calcio!!!) vivono 258 persone.

Siamo capitati in una metropoli. Per forza c’e’ la polizia!

Ci sono solo 2 punti di ristoro: uno e’ gia’ chiuso, l’altro serve ancora qualcosa da mangiare. Il nome “The Hard Antler” basta per descrivere il locale. Costruzione in legno, ambiente da pub inglese e un tavolo per 8 persone in legno massello del peso di circa 700/800 kg. Alle travi del tetto appese centinaia di corna di cervo.

Tutti gli 84 abitanti sono li’. Forse anche qualcun’ altro della zona.

Ci serve una simpatica ragazza con caratteri somatici del volto anglosassoni ma fisico da rugbista maori da mischia. Maori purosangue e’ invece il proprietario. Basso, grasso, decisamente brutto e vestito con solo una canottiera celeste lunga fino alle ginocchia. Sta facendo il giro delle casse del bar e del ristorante prelevando, con manone grasse come nelle figure di Botero, tutto il contante che trova.

Forse in Nuova Zelanda primo, secondo e dessert si servono tutte insieme come all’Autogrill sul vassoio e allora, dato che Maurizo e Alexia hanno ordinato una zuppa, pur essendo in pochi minuti pronti gli altri piatti, ci servono solo dopo piu’ di un ora, il tempo per preparare le zuppe (ci vorrebbe una faccina rossa per esprimere il sentire).

Una buona cena. Maurizio e Anto la chiudono con un buon whiskey scozzese.

Finiamo la giornata con una scala 40 giocata sotto la tettoia dei cessi pubblici. E si…e’ proprio la costruzione che ospita i wc pubblici. In Nuova Zelanda si trova in ogni localita’,piccola o grande che sia. C’e’ un bel tavolo e delle comode panche dove eventualmente aspettare amici pigri o costipati.

Ci facciamo una bella scala e come al solito i campioni mondiali dell’oratorio di Brescia e della sacrestia di Perugia raggiungono rapidamente quota 151 lasciando alla signora centauro il gusto della vittoria.

Galanteria? Nooo….solo una grande sfiga!

Erno e’ ancora in brutte condizioni. E’ lodevole la sua forza di volonta’ ma sopratutto il suo rispetto nei nostri confronti. Nonostante le sue condizioni di salute pessime si e’ conformato alle nostre tappe, alle nostre andature e alle nostre soste senza provocare il minimo disturbo al gruppo. Grande Erno! Alexia chiede alla reception del motel di un medico. Purtroppo nella metropoli di Haast non abbiamo nessuna speranza. Il presidio sanitario piu’ vicino e’ a Wanaka a circa 150 km. Ci fermeremo li’ domani per far visitare Erno da un medico. Vediamo…..

4 Marzo 2023

“Buongiorno, forza Erno, dai che fra 2 ore ti vede un medico e capiamo cos’hai! Cosi’ comincia il 4 Marzo.”

Tutti cerchiamo di dare conforto ad Erno per arrivare a Wanaka.

Dopo 2 ore di moto, Fabrizio ci conduce al presidio sanitario. Una struttura bassa, solo il piano terra dove ci sono piu’ ambulatori. Purtroppo c’e’ da aspettare il medico e trascorriamo un ora pendolando fra le panchine esterne e le sedie della sala d’attesa.

Finalmente un medico visita Erno; radiografie, controllo accurato e diagnosi: una bruttissima infezione della laringe e della faringe. In attesa del dottore consumiamo un lauto pasto che nel tempo di attesa Maurizio e Alexia hanno acquistato al supermarket. Salumi italiani, formaggi francesi e fragole (forse neozelandesi) e un bel muffin al cioccolato per non farci mancare niente. Il ruolo di tavola imbandita tocca ad una panchina all’esterno , le sedie intorno al tavolo al prato inglese verde brillante.

Erno e’ uscito con la ricetta e dobbiamo solo trovare la farmacia per poter accedere agli antibiotici che vengono venduti solo con la prescrizione di un medico neozelandese. Il solo fatto di avere la ricetta in mano o forse di aver scoperto dalle lastre di avere dei polmoni sanissimi hanno cambiato il viso del gigante. Prima cupo e abbattutto, ora gia’ sorridente e rilassato anche se ancora il dolore in gola provoca qualche smorfia fra il sorriso.

Ci fermiamo difronte alla farmacia, apparentemente sotto un portico. Alle nostre spalle sentiamo il rumore insistente di un clacson. Mi giro e con sguardo truce fulmino la signora al volante. Continua a suonare ed a agitarsi e allora, anch’io spazientito sollevo la visiera e gli grido in perfetto italiano: ma che cazzo vuoi? Non vedi che siamo parcheggiati noi e non c’e’ posto? Con gesti isterici l’anglosassone continua a gridare e io a inviarla ripetutamente a quel paese fino a quando Fabrizio, sicuramente il piu’ attento della banda grida: “Ohhh, siamo fermi in mezzo alla strada. Non e’ un parcheggio sotto il portico della farmacia, e’ una bretella stradale che per fare a sinistra passa sotto il portico!!!”. Solo allora avanziamo 10 metri ,liberando la carreggiata e parcheggiando piu’ avanti.

Quando la signora turbata mi passa accanto col finestrino abbassato e forse imprecando, la guardo sussurandole un “Sorry”, ma appena passata dal profondo dell’animo mi esce un vigoroso: “ma vaff…..lo stesso!”

Appena Erno esce dalla farmacia con atibiotici e spray anestizzante per il dolore in gola, partiamo per raggiungere Te Anau.

Ancora strade e paesaggi indescrivibili e attraversandoli ringrazio Dio di avermi donato la passione per la motocicletta. Costeggiamo il lago Wakatipu e gli ultimi 40 km ce li facciamo sotto una pioggia finissima ma torrenziale, una specie di car wash automatico. Ho dimenticato di aprire la bocchetta di aerezione del casco e, sotto la pioggia, mi si appanna la visiera. Mi faccio tutto i 40 km con visiera aperta e occhi socchiusi per riuscire almeno ad intuire dove fosse la strada. Credo di non essermi mai lavato il viso con la stessa intensita’.

Sono anche oggi ormai le 7 di sera e Fabrizio ancora una volta ci guida senza il minimo indugio al motel.

Tutta lo cornice del tetto e’ coperta da cartelloni vintage di diverse attivita’: macelleria, saloon, calzolaio ecc. Sembra di entrare in un set di un film western ma di fatto sotto i cartelloni ci sono esclusivamente camere comodissime e tutte con 3 letti, bagno e cucina dotata di tutto il necessario.

Come al solito e’ tardi e ci affrettiamo ad uscire per andare al ristorante ma, a soli 20 metri dalle camere, l’unico aperto ancora e’ un ristorante cinese. Al centro del tavolo il classico disco di vetro dei tavoli cinesi dove i camerieri appoggiano l’ordinato e i commensali lo fanno girare permettendo a tutti di assaggiare tutto.

Non appena ci servono le stranezze ordinate il disco del tavolo comincia a girare con elevata velocita’. E’ l’evidenza che forse il pranzo sulla panchina del Wanaka Medical Center non era stato poi cosi’ abbondante.

La velocita’ del disco rallenta col passare del tempo fino a fermarsi. Ottima cena, siamo sazi. Ci aspetta un buon riposo. Forse anche Erno con spray e antibiotici riuscira’ a recuperare. Domani sara’ una lunga giornata. La mattina visita al fiordo piu’ famoso della Nuova Zelanda e poi la sera pernotteremo a Invercargill nella parte piu’ a sud dell’isola.

5 Marzo 2023

Oggi partiremo con la pioggia. In mattinata dobbiamo arrivare a Milford Sound, il fiordo piu’ famoso del paese e dell’emisfero australe

Percorriamo le solite fantastiche strade che lentamente, dopo un primo tratto in pianura che costeggia un lago alpino, si inerpicano lungo la valle. A costo di essere noioso….paesaggi FANTASTICI!!! Foreste, monti, ghiacciai. La Nuova Zelanda ci offre il meglio di se’.

Verso le 11 arriviamo a Milford Sound attraversando un lungo tunnel con lavori in corso. Il traffico corre su una singola corsia ed un semaforo lo gestisce. Lo spettacolo che ci si apre difronte da solo meriterebbe il viaggio. Il Mitra Peak, che con i suoi 1692 mt domina il fiordo e si riflette nell’oceano, e’ l’immagine iconica della Nuova Zelanda. E’ come il pino marittimo che domina (dominava…) il golfo di Napoli per l’Italia.

Troviamo all’arrivo pochissima gente. Ci prendiamo un caffe’ nel bar difronte al parcheggio e poi ci incamminiamo fino alle biglietterie dei traghetti . Molti visitatori sono gia’ partiti con i traghetti che percorrono il fiordo fino all’oceano. Le prossime escursioni partono alle 13. Decidiamo di andare anche noi. Ci rilasseremo 2 ore sull’acque dell’oceano che si insinuano tra i monti crendo uno spettacolo unico.

In attesa della partenza ripetiamo il rito della scala 40. Come al solito i due campioni escono subito. L’emisfero australe non e’ foriero di fortuna per i campioni della antica Europa.

La gita nel fiordo dura 2 ore. Ci accompagna il sole in questa lingua di mare e di meraviglie. Al rientro ci affrettiamo a riprendere i nostri ferri . Sono oltre le 3 del pomeriggio e Invercargill e’ a 270 km. Dobbiamo muoverci se non vogliamo saltare la cena.

Ripercorriamo a ritroso fino a Te Anau il percorso della mattina. Al semaforo che gestisce i lavori nel tunnel, in salita, ci fermiamo al rosso. Maurizio si sfila i guanti e il sinistro gli vola in terra ad un paio di metri distante.

Maurizio, senza scendere dal Tenere’, si piega per raccoglierlo. Si piega, si piega, si piega fino a quando non riesce piu a tenere il peso della moto inclinata e cade da fermo insieme ad Alexia. Scendiamo anche noi, aiutiamo Maurizio a rimettere in piedi la moto e risaliamo sulle nostre. Verde. Si parte. Io, Antonella ed Erno entriamo nel tunnel e lo percorriamo fino all’uscita. Mi accorgo che mancano alla colonna sia Maurizio che Fabrizio. Ci fermiamo ad aspettarli e dopo piu’ di 10 minuti finalmente arrivano anche loro. La moto di Maurizio, dopo averla rialzata, non si e’ rimessa in moto subito. La benzina si e’ rovesciata inondando l’iniezione e affogandola. Fabrizio lo ha aspettato fino a quando la Yamaha e’ ripartita e Maurizio, confuso e, nel suo orgoglio di vecchio biker, vergognato dell’accaduto, ha rischiato di schiantarsi contro un camion ripartendo a destra invece che a sinistra. Tutto e’ bene quel che finisce bene.

Fabrizio passa in testa e ci guida, come una chioccia guida i suoi pulcini dira’ Maurizio, fino a Invercargill.

Strade deserte ma superlative come le altre. E pascoli e animali fino a perdita d’occhio. Invercargill e’ deserta, e’ domenica sera e sembra di entrare in una citta’ fantasma. Arriviamo all’Ibis rapidamente. Alexia, la magnifica Alexia, risolve subito check in e garage.

Come al solito siamo affamati in una citta’ dove tutto e chiuso! Per fortuna che internet in Nuova Zelanda funziona dappertutto, anche nelle foreste, e Maurizio trova l’indirizzo di un ristorante indiano che sembra essere ancora aperto. 500 metri a piedi e raggiungiamo una villetta rosa che ospita al mezzanino il ristorante indiano. L’ ambiente piacevole adornato di statuette indiane, lo staff gentilissimo, il mangiare squisito con salse dolci o piccanti che esaltano l’ottima carne di questo paese e la birra neozelandese che non delude mai.

Usciamo ed e’ ormai notte. Domani comincia il ritorno e ci servono energie. Un buon riposo e’ la soluzione.

6 Marzo 2023

Invercargill non mostra particolarita’ meritorie di una visita. Citta’ nuovissima con le costruzioni tipiche di massimo 3 piani. Facciamo una bella colazione nella camera mia e di Erno. La piu’ grande e spaziosa che e’ dotata anche di cucina. Per questa sera abbiamo prenotato al Lake Tekapo un’intera casa e quindi ne approfitteremo per farci una bella spaghettata. Sona gia’ 10 giorni che non mangio la pasta e da buon italiano ne sento intensamente la mancanza. La prima sosta e’ quindi al supermercato. Facciamo provviste e siamo pronti per raggiungere Bluff, il punto piu’ a sud dell’Oceania.

Parcheggiamo difronte al segnale giallo che indica le varie distanze in linea d’aria tra Bluff e diverse capitali del mondo. Per l’Europa c’e’ solo Londra. Fra noi e la capitale inglese ci separano 18.958 km.

Siamo esattamente dalla parte opposta del pianeta e inevitabilmente scorre nella mia mente la storia dell’uomo e del suo progresso. Ma questa e’ un altra storia. Questo e’ solo un diario di un viaggio meraviglioso.

Spendiamo un quarto d’ora per le foto di rito e ripartiamo mettendoci alle spalle il sud. Ci dirigiamo verso Lake Tekapo e per arrivarci percorriamo 390 km all’interno del isola meridionale. 390 km di meraviglie! I paesaggi si ripetono: colline verdi, sali e scendi su asfalti impeccabili che tagliano una natura generosa. Ma pur ripetendosi non diventano mai monotoni. Solo repliche di una spettacolo che non vorresti mai smettere di guardare.

E’ sera e siamo a destinazione. Alexia ha trovato una villetta , su un pendio delle colline che circondano il lago. Una spettacolo. 4 camere, 2 bagni, 1 lavanderia, un grande living con annessa cucina e zona pranzo. E un grande cortile difronte per parcheggiare le moto.

Stasera nessuna fretta. Non dobbiamo trovare il ristorante perche’ sara’ Maurizio il nostro chef stellato!

Finalmente si mangia la pasta! Maurizio offre il meglio di se’ e la cena e’ forse la piu’ semplice ma la migliore di tutto il viaggio.

La serata si chiude con la solita scala 40 e approffittiamo della lavanderia per lavare e asciugare gli indumenti usati fino ad oggi.

7 Marzo 2023

Ci dispiace lasciare la casa che ci ha ospitato. Accogliente, comoda e con tutto quello che serve. Ne approfittiamo per una abbondante colazione. Erno si diletta nel cucinarsi e mangiarsi un omelette con 4 uova e arricchita con salame e formaggio. 6000 calorie di buon mattino gli renderanno agevole il viaggio fino a Kaikoura, il prossimo arrivo di tappa.

Attraversiamo Geraldine, una cittadina sufficientemente grande per trovarci un po’ di traffico. Ci perdiamo un po’ di vista e Fabrizio, Antonella ed io siamo in testa al gruppo convinti che Erno e Maurizio ci seguono. Continuiamo ad uscire dalla localita’ lasciandoci dietro depositi e spazi industriali ma guardando negli specchietti non vedo piu’ Maurizio ed Erno. Raggiungo Fabrizio in testa e lo invito a fermarsi.

Ci fermiamo entrambi con Antonella sulla banchina di sinistra per aspettare Erno, Maurizio ed Alexia.

Passano i minuti 2,3,5,10……e non si vedono. Ci scambiamo qualche parola di apprensione e, mentre stiamo decidendo di tornare indietro, un’ auto lanciata a velocita’ sostenuta si dirige verso di noi e con una frenata brusca ci si ferma davanti a 10 mt. Ne scende un maori, tarchiato, con gli orecchi traforati da orecchini su tutto il padiglione e pieno di tatuaggi, gridando “Crash,Crash,Crash!!!!” e puntando il dito verso la direzione da dove venivamo.

Il cuore di tutti e 3 ci e’ saltato in gola…. O Maurizio o Erno hanno avuto un incidente e forse grave; l’espressione del maori e la forza del suo grido facevano presagire qualcosa di brutto. Stiamo per girare e mentre guardiamo a destra per assicurarci che non venga nessuno vediamo arrivare Maurizio seguito da Erno con andatura veloce e con la mano sinistra gesticolando “vai,vai,vai!”. Siamo stupiti ma seguiamo l’invito di Maurizio e lo seguiamo.

Ripartiamo e qualche kilometro piu’ avanti ci fermiamo tutti per capire che cosa fosse successo e perche’ il maori ci avesse urlato “Crash,crash,crash”

Le 6000 calorie dell’omelette avevano giocato un brutto tiro all’amico Erno. Invece che dargli energia, corroborate dal lento traffico di Geraldine, gli hanno dato un colpo di sonno. Solo un attimo ma sufficiente per perdere l’equilibrio, salire, nel tentativo di riprendere la moto, su un marciapiede e quindi, con la “mucca” fuori controllo cadere a 10 km all’ora in mezzo alla strada. Niente di grave, niente di rotto per Erno e per la GS ma abbastanza per impressionare il maori tatuato e farlo strillare isterico “crash,crash,crash”. E come al solito ancora “e’ tutto bene quel che finisce bene”.

Arriviamo a Christchurch. Una citta’ accogliente con un piacevole centro. Pranzo e shopping alla ricerca di souvenir. Si riparte verso Kaikoura costeggiando il Pacifico. Mi ripeto se parlo di strade meravigliose ma non posso esimermi dal farlo. Stupende, curve, dossi, salite e discese dove si domina la moto senza la minima occasione per una sbavatura. Un delirio. Ma la sensazione la puo’, capire solo chi ama la moto.

Me ne spiace per gli altri ma, senza la passione per la motocicletta, si privano di emozioni indescrivibili.

E poi il Pacifico. Lascio all’immaginazione di tutti le sensazioni che si provano difronte all’oceano Pacifico. Per me e’ impossibile descriverle e poi sarebbero le mie e come tali personalissime e quindi che ognuno si immagini le proprie.

Dopo 412 km superlativi arriviamo a Kaikoura. A 200 mt dal Motel c’e’ un ristorante ancora aperto, il Lobster Inn, ed e’ naturale chiedere al cameriere un piatto con aragoste. Bhe…dell’aragoste neanche l’odore. Solo il nome. Il resto piatti di carne, stupendi, ma carne. Intorno a noi tanti schermi televisivi che trasmettono corse di cavalli e di cani e anche noi ci dilettiamo in qualche scommessa. La giornata e’ finita, come le altre ad una velocita’ pazzesca confermando la relativita’ del tempo.

Una scala 40 e una buona dormita. Domani ci aspetta il traghetto per risalire all’isola settentrionale. Purtroppo la fine del viaggio si avvicina.

8 Marzo 2023

La mattina ci saluta con tanta pioggia. Ritardiamo la partenza in attesa che si calmi e anche perche’ abbiamo solo 160 km fino a Picton e l’imbarco e’ previsto alle 17.

Continua a piovere e quindi vestiti con le tute antiacque ci indirizziamo verso nord. Dopo mezz’ora di moto ci appare sulla riva dell’oceano un monumento maori e un parcheggio. Ci fermiamo e ci accorgiamo subito che fra gli scogli adagiati sulla riva si muovono della macchie marroni.

Sono una famiglia di otarie sdraiate al sole che si muovono di qualche metro saltando da una pietra all’altra. Ci avviciniamo. Sembrano mansuete e ci fanno avvicinare senza mostrare alcun disturbo. Scattiamo 2000 foto a questi animali cosi’ lontani dal nostro mondo e poi ci fermiamo a finire le provviste di Invercargill.

Condividiamo tutti che sprecare o gettare via il mangiare e un peccato e quindi ci impegnamo ad esaurire tutto il contenuto della dispensa che Antonella ha trasportato, in una borsa laterale della moto, diligentemente per meta’ viaggio.

Riprendiamo le moto e via fino a Picton. Arriviamo abbondatemente in anticipo e aspettiamo in un parco difronte al porto l’imbarco. E’ latente in tutti noi lo strano sentimento che appare alla vigilia della fine di una bellissima vacanza. La malinconia mescolata al piacere dei giorni vissuti. Un sentimento che si vive in silenzio di voce ma in vicinanza di spirito.

Il traghetto stavolta e’ puntuale. Passiamo il tempo della traversata a mangiare qualcosa che ci siamo comprati ad un supermercato vicino ad un distribuitore e a giocarci la solita scala. Oggi viaggiamo di giorno e riusciamo a goderci lo spettacolo dell’insenature e dei fiordi all’uscita da Picton.

Arriviamo di notte a Wellington e dopo 22 km troviamo il motel. Domani sara’ la penultima tappa e un velo di tristezza fa compagnia ai i nostri sonni.

9 Marzo 2023

Anche stamattina il cielo minaccia pioggia. Ci attende una tappa lunga fino a Otorohanga, a qualche chilometro dalle grotte di Waitomo (Waitomo caves). Il tempo corre veloce, lo sguardo non e’ mai stanco di apprezzare la bellezza di questo paese e i 460 km finiscono in fretta .

Abbiamo il tempo per fermarci al motel e farci una bella doccia prima di scendere verso il centro della piccola localita’. Anche qui c’e’ solo un ristorante e abbiamo la fortuna di trovare l’unico tavolo da sei rimasto libero.

Dopo oltre un ora di attesa dall’ordine, un ottima carne come al solito e la buona birra locale ci allietano la serata. Fabrizio e Antonella ne approfittano per farsi una romantica passeggiata tra gli odori gradevoli dei pascoli neozelandesi.

E’ ora di riposare. Ma dobbiamo prima rinnovare il rito della scala 40 e prima di dormire le carte ci tengono svegli ancora un paio d’ore.

10 Marzo 2023

Oggi e’ l’ultimo giorno. Ancora 170 km e riconsegneremo le moto a Randal. Partiamo tardi, oltre il limite dell’ora di check out. Sembra quasi che una strana forza ci trattenga, ci inviti a rimanere in Nuova Zelanda. Nessuno di noi manifesta entusiasmo nel partire per il ritorno. Ognuno ha lasciato gli affetti forti lontano, a casa, ma la magica Nuova Zelanda e’ riuscita a non farcene sentire la mancanza.

Decidiamo di passare prima in hotel ad Auckland per scaricare in camera tutti i bagagli e poi andare da Randal a consegnare le moto. Ad Auckland ci aspetta una giornata calda, con tanto traffico e tanti semafori. Ogni incrocio col semaforo rosso e relativa attesa e’ una sauna ma finalmente usciamo dalla citta’ e ci dirigiamo a Maraetai verso Randal.

Facciamo l’ultimo pranzo insieme. Erno non e’ nello stesso hotel e la mattina successiva abbiamo orari di partenza diversi. Quindi dopo la consegna delle moto non ci vedremo piu’. Quindi l’ultimo pranzo insieme alle 4 quattro del pomeriggio. E’ un ristorante cinese, ancora chiuso fino alle 17, ma la simpatia di Maurizio e l’inglese di Alexia convincono la cinese ad aprire un’ ora prima!

Alla fine del pranzo ci alziamo lentamente, svogliati. Ancora soli 10 km in moto e il viaggio sara’ finito.

Ed eccoci da Randal. Randal non c’e’ ma Maurizio lo trova nella casa dei vicini e insieme risalgono verso noi. Ci accoglie con un grande sorriso insieme alla moglie.

Eh si, care compagne fedeli di viaggio vi dobbiamo lasciare. Ognuno di noi scende dalla moto ma non prima di aver battuto il palmo sul serbatoio. E’ un segno di ringraziamento verso una macchina ma con la quale ogni vero motociclista instaura un rapporto umano che solo ogni vero motociclista puo’ comprendere.

E qui ci salutiamo anche con Erno.

Si grande Erno, e’ stato veramente un onore e un piacere condividere questi momenti con te. Una grande stretta di mano, un abbraccio. Altre parole non servono. In quella stretta e in quell abbraccio c’e’ tutto il gradimento verso l’uomo e la riconoscenza di aver condiviso un viaggio speciale.

Foto, sorrisi, strette di mano con Randal e la moglie e la promessa che ci rincontreremo in Italia a vedere il GP del Mugello e magari spendere qualche giorno nel visitare la intrigante Transilvania.

Ritorniamo all’Hotel Ibis Budget. Fabrizio ed Antonella partiranno stanotte alle 4. Io, Maurizio e Alexia domani alle 15. Ci incontreremo di nuovo a Melbourne da dove insieme voleremo fino a Dubai. La sera facciamo una passeggiata intorna all’Ibis ma come al solito dopo le 19 tutto e’ chiuso.

Il tempo di una birra e una sola “pizza”da dividere in 5 consumata al bar a fianco dell’hotel e via a riposare. L’Europa e’ lontanissima. Ci vorranno 36 ore per arrivare a casa fra voli e scali.

11 Marzo 2023

E’ il giorno del ritorno. La noia dell’attesa e la lentezza del tempo trascorso in volo sono le stesse di tutti i lunghi viaggi. Quando arriviamo a Melbourne troviamo Antonella e Fabrizio che ci hanno preceduto di circa 9 ore. Loro gia’ sono stanchissimi, noi cominciamo ad esserlo.

Il volo verso Dubai e di 14 ore. E’ di notte e qualche ora la dormiamo. Esausti arriviamo la mattina a Dubai.

E’ venuto il momento di salutarci anche con Fabrizio ed Antonella. Loro vanno a Milano, noi a Bucarest. Il saluto e’ un amarezza ed una gioia contemporaneamente. L’amarezza della fine di una grande avventura e la gioia di avere degli amici in piu’. A presto giovani adulti, alla prossima entusiasmante cavalcata. Dove? Non lo sappiamo, ma dovunque sara’, insieme, sara’ una grande e bellissima!!!

12 Marzo 2023

Arrivati noi a Bucarest, Fabrizio e Antonella a Milano ed Erno a Budapest cominciano a risuonare i motivetti di whatsapp che confermano l’arrivo di tutti e di tutti bene.

Con whatsapp e’ iniziato, con whatsapp finisce. Ne finisce una ma spero, anzi sono convinto, che e’ solo la fine di un prologo ad altre meravigliose esperienze.